strumenti online per startup

7 strumenti online efficaci per ogni startup

Lanciare e gestire una startup di successo richiede del talento e molte capacità: ingegnosità, dedizione, intelligenza. Ma anche i fondatori più brillanti hanno bisogno di risorse che li aiutino nelle loro imprese, e di strumenti che aiutino la loro startup a decollare.

Per una startup la sfida più grande è quella di avere tante, troppe cose da fare e poche risorse per farle. Bisogna quindi ottenere il massimo con ciò che si ha. In altre parole, lavorare in modo smart e utilizzare le risorse a propria disposizione al meglio.

A tal proposito, nel mercato di internet è presente una lista infinita di strumenti che possono aiutare qualsiasi startup a definire il proprio campo di gioco. Alcuni fanno cose meravigliose, altri meno... alcuni sono gratuiti, altri sono freemium, altri ancora costano una fortuna. Vediamo quali sono 7 must-have tool che ogni startup dovrebbe utilizzare.

7 Must-Have Tool che ogni startup dovrebbe utilizzare

1. Project Management - ProofHub

Una startup è per certi versi un grande, immenso progetto, e un progetto con tanto lavoro da fare. Si assegnano le attività, si gestiscono le risorse, si discute della sua evoluzione all'interno del mercato, si valuta l'andamento e la produttività dei worker coinvolti.

Un modo per finire il puzzle è quello di creare e utilizzare un sistema che ne connetta tutti i suoi pezzi, come ProofHub, un sistema di project management online che offre tutto ciò che serve a mantenere sotto controllo il progetto e a risolverne i suoi problemi. Ha un costo sostenibile (dopo un periodo di prova gratis di  30 giorni). ProofHub è un buon investimento, specialmente per chi è agli inizi.

2. Customer Relationship Management - Close.io

Strumenti come Salesforce sono molto popolari tra i player del settore, ma non sono molto convenienti per una startup. Per quei business che operano su un budget ridotto, Close.io è un buono strumento di CRM. Tra le sue funzionalità troviamo:

  • Chiamate VoiP illimitate

  • Registrazione automatica delle chiamate

  • Tracking integrato delle email

  • Visualizzazioni personalizzate

  • ID del contatto per le chiamate in entrata

  • Interfaccia intuitiva

  • Chiamate di gruppo

Close.io cerca di porre fine al data entry (che è sia noioso che irritante) tenendo traccia di tutte le chiamate effettuate senza che si debba fare alcun lavoro manuale. Per ora ha un costo abbastanza sostenibile per chi opera nel mercato statunitense/canadese, non altrettanto per chi opera da altri Paesi.

3. MVP (Minimum Viable Product) - QuickMVP

Nessuna startup vuole sprecare tempo, denaro, e risorse nel creare qualcosa che vada ad offrire ai consumatori qualcosa di cui non hanno bisogno. È per questo che ogni startup ha bisogno di un MVP. Il Minimum Viable Product si riferisce a quel prodotto che presenta le funzionalità-base che si presume interesseranno i consumatori, e dei quali si vogliono conoscere le opinioni e i feedback.

QuickMVP è un ottimo strumento per testare i prodotti delle startup prima che queste lancino sul mercato un prodotto completamente sviluppato. Perché dovrebbero fare una cosa del genere? Perché si evita di spendere denaro e risorse su qualcosa che era destinato a fallire e che non avrebbe mai attratto i consumatori target.

QuickMVP è davvero semplice da usare e in poco tempo si ha la possibilità di testare l'ipotesi di prodotto. Basta creare una landing page, delle inserzioni promozionali, e dare alle persone una prima occhiata a quello che potrebbe essere il prodotto finale. In questo modo si ottiene una visione più chiara su quelle che sono le idee su cui investire, e su quelle che invece sono da scartare.

4. Fundraising - Kickstarter

Dove trovare i fondi per sostenere l'attività che si vuole creare? Non tutti hanno risorse a sufficienza per sostenere le proprie idee e portarle alla luce, ed è per questo che nascono i concetti di fundraising e crowdfunding.

Kickstarter è sicuramente la piattaforma più famosa dove potersi assicurare un finanziamento adeguato a supportare la nascita del business. Questa community globale (si, non è solo per startup americane) è pensata in particolare per progetti creativi che girano intorno al design, alle tecnologie e gaming, all'arte e al fashion.

La piattaforma è perfetta per chiamare a raccolta finanziatori da ogni parte del mondo per supportare idee e condividerle con community che possano ulteriormente svilupparle.

5. Copertura mediatica - Submit.co

Molti brand spendono molti soldi per far si che le persone conoscano il loro nome, e le startup non fanno eccezione. Più sono le persone che riconoscono il brand, maggiore la possibilità che queste decidano di provarne un suo prodotto. È proprio per questo che ogni startup dovrebbe conoscere quali sono le migliori piattaforme di comunicazione che gli garantiscano una esposizione mediatica di qualità (e quantità).

Submit.co è una piattaforma dove si ottiene una lista di Media che potrebbero raccontare al meglio l'idea di business e la storia che c'è dietro alla sua nascita, rendendola riconoscibile. Non è uno strumento che rende il processo automatico: bisogna lavorarci su e creare il proprio percorso, ma in ogni caso permette di espandere il proprio raggio d'azione e diffondere il proprio brand.

6. Immagini di alta qualità - Pexels 2.0

Parte del promuovere una startup riguarda il lancio di un sito web, magari di un blog, e la creazione di campagne pubblicitarie. Un grosso aiuto proviene dall'utilizzo di immagini e fotografie di qualità, che possono essere molto costose se non si sa bene dove guardare. Pexels 2.0 è il luogo dove trovare immagini di eccellente qualità da poter utilizzare per qualsiasi tipo di utilizzo. Le immagini sono gratuite per un numero infinito di categorie, riducendo a zero l'impatto sul budget.

7. Customer feedback e survey - Typeform

Cosa ne pensano i consumatori di un prodotto/servizio? I loro feedback sono vitali perché permettono di valutare se la propria attività sia incanalata sui giusti binari o se invece si debba cambiare strategia.  A volte, però, creare survey e ottenere i feedback dai consumatori può essere difficoltoso.

Typeform è una piattaforma dove si possono creare survey in modo facile e veloce. È perfetta per creare coinvolgimento nei consumatori attraverso questionari interessanti che permettano loro di rispondere alle domande piacevolmente.

Le startup sono bombardate di sfide e problemi, il primo fra tutti quello di fare il massimo con il minimo sforzo in termini di tempo, costi e risorse. Probabilmente, con l'integrazione di questi 7 strumenti queste sfide potranno risultare meno pressanti e lasciare spazio allo sviluppo vero e proprio delle attività più che al problem solving.

Articolo di Alberto Rossini -> Profilo linkedin

Commenti

commenti

Spremute Digitali

1 comment

Leave a reply