strategia di inbound marketing

Come creare una strategia di Inbound Marketing in 5 step

Negli ultimi anni gli strumenti di marketing tradizionale hanno perso gran parte della loro efficacia a vantaggio del digitale, come nel caso della strategia di Inbound Marketing.

L'origine del fenomeno sta nel cambiamento totale dei ruoli nella comunicazione su internet.

Un tempo le aziende promuovevano il loro messaggio attraverso la stampa, la radio, i siti web e l'advertising e le persone lo ricevevano passivamente.

Oggi, grazie ai blog e ai social media, questo rapporto unidirezionale è completamente cambiato. Gli utenti giocano un ruolo attivo, prendono la parola e possono interagire con i contenuti proposti dai brand.

Se il content marketing dell'azienda è percepito come inutile e non genera coinvolgimento, gran parte delle iniziative di comunicazione rischia di passare inosservata o ancora peggio, messa in discussione e criticata, minando la reputazione aziendale.

Inoltre le comunicazioni che interrompono le attività dell’utente, come le pubblicità tradizionali, sono sempre meno tollerate e ascoltate, quindi inefficaci. Mentre trovano un apprezzamento crescente i brand che offrono contenuti utili, di informazione e approfondimento, trovati in modo spontaneo dall'utente nella sua ricerca sul web.

Come creare contenuti di valore con l'Inbound Marketing

La produzione di contenuti utili, informativi, che si fanno trovare dall'utente quando lui ne ha il bisogno, prende il nome di Inbound Marketing. Questo approccio rappresenta il futuro per la comunicazione aziendale, perché risponde meglio di qualsiasi altra tipologia di messaggio, a ciò che le persone si aspettano dai brand.

Molte aziende stanno già utilizzando una strategia di Inbound Marketing, altre vorrebbero farne uso, ma non sanno come iniziare. In realtà, questo approccio è meno complesso di quanto sembri, l'importante è avere metodo: ecco i 5 step fondamentali da seguire per realizzare una strategia di Inbound Marketing efficace.

Step 1: Definizione degli obiettivi

Come in tutte le strategie di marketing, per prima cosa va stabilito quali obiettivi di breve e lungo periodo si vogliono raggiungere e come.

Per capire quali possono essere quelli più importanti nel proprio settore o tipologia di azienda, può essere utile un'analisi dei competitor che già utilizzano una strategia di Inbound Marketing.

In questo modo si ottiene una prima idea degli argomenti più rilevanti, delle metodologie di successo e degli errori da evitare. È importante che gli obiettivi siano facili da misurare e realizzabili, controllando periodicamente l'andamento delle attività.

Step 2: Studio delle buyer persona

Chi sono le persone per cui vengono creati i contenuti?

Questa è una domanda fondamentale che ogni azienda si deve porre in una strategia di Inbound Marketing.

Se non si conosce il proprio target, se lo si immagina troppo vagamente o solo in base alle proprie soggettive percezioni, si rischia di produrre contenuti distanti da ciò che i potenziali clienti cercano sul web ed apprezzano di più.

Definire le buyer persona, ovvero i profili-tipo dei clienti dell'azienda, aiuta a creare contenuti mirati ed efficaci. Più i profili delle buyer persona sono dettagliati e ricchi di riferimenti su interessi, comportamenti, gusti, valori, maggiore sarà il valore dei contenuti creati.

Step 3: Generazione dei lead

Una volta definite le finalità e il target della stretegia di Inbound Marketing, si può procedere alla creazione del contenuto.

È molto importante in questa fase tener presenti le parole chiave più utilizzate dal prospect su un certo argomento, così da realizzare un contenuto che risponda a un tema sentito e ricercato sul web.

Lo spazio più importante che ospiterà i materiali creati è il sito aziendale, in particolare la sezione del blog da promuovere con la condivisione sui social media, così da aumentare rapidamente la diffusione del messaggio e generare interazione con il target.

Fondamentale perché un contenuto generi lead, è che contenga una call to action, così che l'utente sia portato a lasciare i suoi contatti e possa essere raggiunto per le successive attività di marketing.

Step 4: Da lead, a prospect, a cliente

Ogni contatto acquisito alimenta il successo della strategia di Inbound Marketing, ma per arrivare a un risultato economicamente misurabile, occorre trasformarlo in cliente.

Attraverso le campagne di lead nurturing si cura nel tempo la relazione con il potenziale cliente, fino a creare un rapporto di fiducia e confidenza: se le attività sono state condotte correttamente, quando il lead sarà pronto ad effettuare un acquisto, si rivolgerà naturalmente all'azienda che gli è stata vicino lungo tutto il percorso d’acquisto, il buyer’s journey.


LEGGI ANCHE "Cos’è il customer journey? Perché le aziende dovrebbero approfondirlo?" se vuoi saperne di più sul percorso che intraprende il consumatore dal primo contatto con l'azienda fino alla decisione di acquisto.


Step 5: Cura e fidelizzazione

L'Inbound Marketing è un'attività a ciclo continuo: quando il cliente è acquisito, una buona strategia pensa a mantenere il rapporto nel tempo, attraverso aggiornamenti periodici sui propri servizi, sui nuovi prodotti e novità del settore. Facendo sentire la persona sempre più al centro delle proprie attenzioni, sempre meno cliente e sempre più partner.
Questi sono in breve gli step per iniziare a fare Inbound Marketing. Qualsiasi azienda ha le potenzialità per iniziare a creare nuove opportunità di business: la vostra è pronta a farlo?

 

Commenti

commenti

Spremute Digitali

1 comment

Leave a reply