comehome

La community da virtuale diventa reale con comehome! E direttamente a casa tua

Sono passati un po' di mesi da quel giorno di Ottobre a Milano, quando agli ex Mashable Social Media Day, oggi Digital Innovation Days, una startup dal nome comehome! sale sul palco della Startup Competition.

Un'esperienza interessante ed innovativa - ci racconta Michele Cesario, CEO e co-founder di comehome! in merito all'evento - in cui siamo riusciti a presentare e far conoscere il nostro progetto orientato alla socialità ed alla community. Il SMDAYIT + DIDAYS ha funzionato e oggi siamo qui.

Ed è proprio con Michele che ho voluto scambiare quattro chiacchiere, incuriosita dalla sua visione di community e dalla voglia di creare momenti di socialità reali con una startup giovanissima e grazie ad un team allegro ed in gamba che vuole portare il proprio progetto sempre più in alto.

Dal social network al comehome! Quando la community è reale e di casa

L'uomo si sa, è un animale sociale. Non bastano i social network per socializzare, ma possono essere l'inizio della catena. Proprio come comehome! il social network che connette realmente le persone nel luogo di aggregazione comune a tutti, dove chiacchierare e divertirsi è spontaneo e genuino: la casa.

Michele Cesario, CEO e co-founder comehome!

Q. Ciao Michele, piacere di conoscerti! Molto interessante comehome. Il poter organizzare eventi online che si trasformano poi in occasioni d’incontro fisiche, mi piace molto. Racconta, come è nata l’idea?

A. L’idea di comehome nasce innanzitutto da una serie di esperienze personali.

Gli eventi in casa sono sempre stati un elemento importante nella mia vita, dal periodo universitario a Milano, dove rappresentavano un’alternativa più divertente ed economica rispetto alle solite serate in bar e discoteca, ai miei viaggi per il Sud America, dove le feste in casa erano il miglior modo per conoscere persone nuove ed immergermi nella cultura locale.

Viviamo nell'era dei social network e trascorriamo la maggior parte del nostro tempo online, ma il bisogno alla base dell’essere umano resta quello della socialità, molte volte inespressa dietro lo schermo di un cellulare.

Da questo pensiero filosofico sulla condizione dell’essere umano, l’idea di creare un social network che connettesse davvero le persone nella vita reale e dove la casa rappresentasse il luogo di aggregazione per eccellenza, un luogo dove venisse spontaneo presentarsi e scambiare quattro chiacchiere con tutti.

Questo è... Un comehome!

Comehome oggi funziona come un vero e proprio airbnb per eventi in casa, un modo semplice per conoscere persone nuove e condividere i propri interessi. Ogni host può dare spazio alla propria creatività creando un format di qualsiasi tipo, stabilendo un numero di posti disponibili e una quota di contributo spese per partecipare al suo comehome!

Abbiamo una community di circa 50K persone in continua crescita tra Milano, Roma e Torino e presto arriveremo in nuove città italiane in vista anche di una nuova raccolta di capitali aperta al pubblico tramite una piattaforma di crowdfunding che darà la possibilità a tutti gli utenti della nostra community di acquisire delle piccole quote di questo progetto e contribuire con il proprio investimento alla nostra crescita e futura espansione internazionale.

Q. Oltre al tuo attuale socio, presentaci gli altri membri del team. In quanti lavorano in Comehome?

Siamo una squadra fortissimi” come dice il Checco nazionale! Siamo in 6 pazzi scatenati che credono ancora in un mondo migliore.

Abbiamo da poco a bordo una quota rosa, la Francy che è sicuramente quella che indossa i pantaloni in ufficio. Una vera benedizione caduta dal cielo!

Poi c’è Daniele o meglio Daniele Comehome, evangelizzatore di abbracci è colui che, come San Pietro, ha le chiavi… Della nostra community!

Federico è il nostro uomo dei dati, colui che ha sempre la risposta ad ogni tua domanda, soprattutto se si parla di CAC e Customer Lifetime Value!

Andrea, conosciuto anche come #dottorvitale è il nostro CTO e dominus della tecnologia e dei codici magici dietro la nostra applicazione.

Ultimo, ma non meno importante Bernardo detto anche Brave Bear, community manager dalla saggezza infinita, aspirante musicista, filantropo per natura.

Il team comehome!

Q. Il fatto di poter trasformare eventi online in occasioni d’incontro, mi fa venire in mente il marketing esperienziale e i focus group per le ricerche di mercato. Hai pensato mai ad avere collaborazioni con Brand che lavorano su queste attività?

A. Abbiamo lavorato con brand importanti come Sky, Tuborg, Jack Daniel’s, Mondadori e molti altri.

Hanno visto in comehome un canale di marketing innovativo e un modo per connettersi con i propri brand lovers e potenziali consumatori dall’online all’offline tramite esperienze informali di condivisione.

Q. Quindi qual è l’innovazione più grande per brand ed agenzie che mette a disposizione Comehome?

A. La nostra piattaforma consente ai brand di raggiungere ed ingaggiare esattamente il target di persone a cui sono interessati e posizionare i propri prodotti in occasioni di consumo coerenti nel luogo di consumo per eccellenza… La casa!

Inoltre le aziende hanno la possibilità di veicolare i valori del brand tramite le esperienze comehome ed alimentare il passaparola legato all’evento sia online che offline.

Q. Cos’è Comehome adesso e cosa sarà nel futuro?

A. Comehome adesso è innanzitutto una community di persone accomunate da un interesse comune: conoscere nuove persone e “prendersela a bene!” come direbbe il buon Dani!

Una startup molto ambiziosa che ha individuato un forte bisogno nel mercato e vuole espandere velocemente il proprio servizio rendendolo accessibile in altre città italiane ed europee.

Nel futuro vogliamo essere il miglior modo per socializzare e vivere nuove esperienze divertendosi nella comodità del proprio salotto di casa.

Uno strumento di aggregazione e condivisione sociale capace di avere un impatto positivo all’interno delle comunità locali dove il nostro servizio sarà attivo.

Comehome ed il crowdfunding: un successo la prima campagna equity crowdfunding

350mila euro raccolti in appena 45 giorni e la fiducia di oltre 250 nuovi soci per puntare dritti all’internazionalizzazione. Il volo dell’"airbnb per eventi in casa” spicca dalla piattaforma
BacktoWork24 e arriva fino in orbita.

Un successo storico per una soddisfazione tradotta in parole proprio da Michele Cesario:

l'ingrediente segreto e vincente di questo exploit è stato, senza dubbio, il forte senso di
appartenenza della nostra community.

Proprio gli utenti che già ci conoscevano, infatti, sono stati i primi investitori che ci hanno consentito di andare in overfunding già nelle prime 48h dal lancio della
campagna.

Un risultato al di là di ogni aspettativa che ci carica di motivazioni e responsabilità nell'affrontare le prossime sfide: primo obiettivo, ora, sarà l'internazionalizzazione di Comehome.

Commenti

commenti

Sara Duranti

Leave a reply