e-learning e sharing economy

E-learning e sharing economy, il futuro della formazione

La formazione e la didattica tradizionale in aula, rivestono ancora un ruolo rilevante nelle modalità di apprendimento. L’aula rimane il luogo eccellente in cui il docente e il discente si incontrano e interagiscono, dove l’apprendimento e la formazione hanno un valore, oltre che culturale, anche di crescita umana, grazie all'interazione e alla socialità.

Comunque con l'evoluzione tecnologica e digitale, che stimola l’interesse dell’uomo verso nuovi canali e nuovi approcci, stiamo assistendo ad una evoluzione del modo di apprendere: l’e-learning, noto anche come apprendimento online o semplicemente apprendimento a distanza.

Con l’e-learning vengono così valorizzate le attività di trasmissione e divulgazione della cultura e del sapere in chiave digitale per un arricchimento e una migliore integrazione delle attività tradizionali. L'uso delle tecnologie multimediali e di Internet migliorano la qualità dell'apprendimento, facilitando sia lo scambio delle informazioni, che la collaborazione a distanza.

Una indagine del Brandon Hall Group ha dimostrato che “il 48 % delle aziende utilizza il digitale per le proprie strategie di formazione e di apprendimento”; e che “il 43% del campione utilizza piattaforme collaborative e social come tool formativi”.

Secondo lo studio, l’apprendimento attraverso l’e-learning in genere richiede dal 40% al 60% in meno della disponibilità di tempo da parte dei discenti, rispetto alla modalità tradizionale in aula per imparare gli stessi concetti. Ciò poiché la formazione può essere eseguita in modo asincrono, e solo quando il discente ne ha bisogno.

È importante notare che il risparmio di tempo non influenza la qualità di apprendimento, tutt'altro.

Il suddetto istituto di ricerca americano ha rilevato come l’e-learning aumentii valori di efficacia della formazione, soprattutto nel mantenimento delle informazioni e competenze acquisite a lungo termine dal 25% al 60%, mentre i valori di ritenzione della formazione tradizionale in aula raggiungono l’8-10%”.

La socialità: il carattere distintivo dell'e-learning nell'era della sharing economy

Nell'era della Sharing Economy il fenomeno dell’e-learning viene ancora più esaltato. Il carattere distintivo dell’e-learning è proprio la socialità, cioè l’interazione nei processi di apprendimento.

L’emergere di questo carattere favorisce sia il superamento dell’isolamento del singolo, sia la valorizzazione dei suoi rapporti con il gruppo; in questo modo l’acquisizione di conoscenze, abilità o atteggiamenti, costituiscono infatti il risultato di un’interazione di gruppo o, più chiaramente, un apprendimento individuale, come risultato di un processo di gruppo.

È l’era della condivisione nella Community. Non solo della condivisione di conoscenza, del sapere, ma anche delle abilità e del proprio tempo libero; basti pensare a chi per passione condivide il proprio hobby e lo mette in rete, talvolta trasformando la propria passione in lavoro.

La tecnologia Web RTC ormai consente di creare in casa, una vera e propria postazione di lavoro. La tendenza del “lavoro da casa” prende sempre più piede. Basti pensare agli insegnanti privati, che con una connessione internet e una webcam, sono pienamente efficienti e dispensano a pagamento le loro conoscenze.

La tecnologia è il perno sul quale ruota la Sharing Economy

La tecnologia permette l’incontro tra sconosciuti, rendendo più facile e veloce la condivisione di qualsiasi conoscenza, abolendo così le distanze, anche geografiche.

La creazione di una community consente di instaurare un legame forte tra gli utenti, improntato sulla socialità, e l’efficienza dei servizi offerti da una piattaforma web, che si attivano a seguito di un vantaggio, inteso sia come economico che esperienziale, completano le opportunità che e-learning e sharing economy possono offrire.

Il risultato potrebbe essere un social network che si avvale di un servizio di video chat per rendere più facile e veloce la condivisione di qualsiasi conoscenza. Una piattaforma di social learning che risponde alle esigenze dettate dalla Sharing Economy e dalle sempre più imponenti proposte di e-learning.

Alla luce delle innovative tendenze, l’obiettivo da raggiungere è quello di offrire agli utenti una reciproca e ampia libertà di condivisione dei contenuti e di contatto diretto grazie alle video chat, ai sistemi peer to peer ed alla tecnologia Web RTC.

Insomma, raggiungere un risultato ottimale che coniughi perfettamente la trasmissione del sapere, la condivisione della conoscenza e la progettualità tecnologicamente avanzata.

Commenti

commenti

Guest

1 comment

Leave a reply