fallimento progetti di digital transformation

Ci sono dei motivi per cui i progetti di Digital Transformation falliscono

La trasformazione Digitale è uno step necessario per rendere la propria organizzazione competitiva. I benefici sono tanti e i cambiamenti da fare anche, ma ne vale la pena. Allora, cosa può andare storto? Perché i progetti di Digital Transformation falliscono?

Individuiamo in questo articolo i principali motivi dietro il fallimento e un caso studio.

Numeri sulla Digital Transformation

“Il 70% dei progetti di trasformazione fallisce e ci vogliono circa tre anni prima che le organizzazioni inizino a competere nel mercato digitale, anche quando hanno ragione.

Il cuore della maggior parte dei fallimenti non è la tecnologia, sono le persone.

I motivi principali del fallimento? Comportamento che non supporta il cambiamento e resistenza dei dipendenti al cambiamento”. Deloitte, Digital Transformation - Are people still our greatest asset?

La Digital Transformation è un trend (necessario) per le organizzazioni di tutto il mondo. Lo dicono in tanti.

Gli investimenti in progetti di trasformazione digitale stanno letteralmente esplodendo. Oltre 1 trilione di dollari è stato investito nel 2018, e tanti altri ancora ne saranno investiti.

Nonostante ciò, molti progetti falliscono. Addirittura ricerche di McKinsey dimostrano che il 70% dei progetti non raggiunge gli obiettivi prefissati.

Quali sono quindi i principali motivi che portano i progetti di Digital Transformation al fallimento?

Firms think they are transforming - but many don’t realize that transformation will be a permanent state of being, Ted Schadler

I principali motivi per il fallimento della Digital Transformation

  • Cultura Digitale = Persone digitali

La trasformazione digitale riguarda soprattutto le persone e la cultura. Eppure quando si parla di trasformazione digitale, le persone e la cultura spesso vengono trascurate. Di conseguenza, il coinvolgimento dei dipendenti diminuisce, il supporto alla gestione è inadeguato e manca la responsabilità.

Senza una cultura che vuole veramente la trasformazione digitale, è quasi impossibile che i progetti di trasformazione digitale abbiano successo.

Come sostiene Thomas Davenport, ricercatore del MIT, "il digitale non è qualcosa che puoi comprare e collegare all'organizzazione".

In pratica, bisogna individuare gli esatti benefici della trasformazione digitale prima di introdurre una tecnologia specifica. Raccogliendo casi di studio, dati e (soprattutto) testimonianze che dimostrano che la trasformazione digitale porta grandi risultati.

Se le persone sentono direttamente da altre persone che una tecnologia ha reso più facile il loro lavoro, saranno molto più propensi ad adottarla.

Avere una cultura digitale significa anche avere persone meno resistenti al cambiamento. Minore resistenza vuol dire maggiore velocità.

  • Velocità e continuità: un Conto Economico che non prospera

Solo il 4% delle risposte al sondaggio di Wipro Digital ha dichiarato di aver realizzato metà del proprio investimento in meno di un anno. La maggioranza degli intervistati afferma di aver trascorso da due a tre anni per vedere almeno la metà di questi investimenti.

La mancanza di continuità è una tra le cause che porta un’azienda a fare passi indietro rispetto alla sua trasformazione. Che si tratti di non completare la trasformazione di un processo o (ancor peggio) la transizione del proprio CIO ad un’altra azienda o il cambio di management, la mancanza di continuità nelle azioni o nelle linee guida può arrivare ad annullare gli sforzi precedenti.

Mancanza di velocità e di continuità nell'esecuzione si traduce in un conto economico in rosso, e gli investimenti che non vanno a ROI.

  • Chiarezza su significato ed obiettivi: strategia non tecnologia

Un sondaggio di Wipro Digital ha rilevato che il 35% dei progetti di trasformazione digitale falliscono a causa della mancanza di una strategia chiaramente definita.

Sebbene sia fondamentale per i leader riconoscere che la trasformazione digitale non implica necessariamente una revisione completa delle tecnologie e dei processi aziendali, deve essere una strategia chiaramente definita con obiettivi e risultati distinti.

Innanzitutto, le aziende devono definire cosa vogliono migliorare e perché. Sia che si tratti di una semplificazione di comunicazioni con i clienti migliorate o di dati di qualità superiore che portano a un servizio migliore, è necessario identificare il proprio obiettivo per misurare i propri sforzi.

Inoltre, la definizione di questi obiettivi aiuta a capire dove implementare le modifiche, assicurando di non allontanarsi dall'obiettivo finale e non vanificando gli sforzi in aree in cui è meno probabile che si verifichi un ritorno.

La nozione secondo cui la trasformazione digitale consiste nell'implementare le ultime tecnologie innovative, è una delle idee sbagliate che l'industria tecnologica sta combattendo da anni.

Ci sono aziende che implementano le tecnologie semplicemente perché sono le più brillanti e le migliori, senza valutare cosa porteranno in tavola. Se sei un'azienda di servizi, le tecnologie di realtà aumentata probabilmente non ti porteranno molti vantaggi. Ma per un produttore di mobili o di abbigliamento, quel tipo di tecnologia può essere un punto di svolta.

Le tecnologie non sono che meri strumenti. Oggi ce ne sono alcune, domani ce ne saranno altre. È invece la strategia che fa tutta la differenza nel cambiare il proprio modo di vedere il business e creare attorno alla propria organizzazione un ecosistema digitale.

Evita il fallimento della trasformazione digitale attraverso un obiettivo chiaro

La multinazionale americana Ford ha una storia lunga e di successo nella vendita di auto in tutto il mondo, ma questa società di 115 anni ha avuto difficoltà a realizzare una trasformazione digitale che fosse in grado di cambiare radicalmente le sue prospettive.

Nel 2014, l'allora chief executive Mark Fields annunciò grandi piani per la società per diventare il business della "mobilità personale".

Ma anziché implementare pienamente le soluzioni digitali nel suo core business, Fields ha optato per lo sviluppo di nuove auto digitali e soluzioni di mobilità innovative in un nuovo segmento denominato Ford Smart Mobility, situato a migliaia di chilometri di distanza dalla sede della Ford.

Lo spin-off della Smart Mobility è stato troppo lento nel portare avanti la trasformazione digitale, con Ford che ha visto ridursi il prezzo delle sue azioni di quasi il 40%.

Fields si è dimesso dalla carica di amministratore delegato nel 2017, con il presidente esecutivo Bill Ford Jr che ha dichiarato di voler concentrarsi su come l'innovazione digitale poteva essere applicata a tutti i livelli dell'azienda.

Quando la trasformazione digitale fallisce è fondamentale che le aziende cerchino non solo di comprendere le ragioni del fallimento, ma anche di garantire che le future iniziative digitali non siano destinate a ripetere errori.

Il fallimento della trasformazione digitale in Ford dimostra l'importanza di un approccio unificato, specialmente per le aziende con diversi segmenti di business. Nonché la necessità di adottare strategie di trasformazione in ogni parte dell'organizzazione.

Se vuoi imparare dagli errori di altre aziende, leggi questi altri esempi di fallimento di Digital Transformation.

Scopri di più sulla Digital Transformation...

Per scoprire di più sulla Digital Transformation, i nostri amici di Seedble, hanno progettato diverse soluzioni per esplorare gli aspetti della Digital Transformation per le aziende.

Puoi richiedere una inspiration session per la tua organizzazione e scoprire tutti i lati della Digital Transformation, dal come tracciare una roadmap su misura per la tua organizzazione, ai benefici del nuovo modello e i vari ambiti di applicazione.

P.S spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia dato una visione e una chiara seppur sintetica overview sulla Digital Transformation di successo per le organizzazioni. Se ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici o le persone che pensi ne abbiano bisogno!

Commenti

commenti

Spremute Digitali

Leave a reply