come usare LinkedIn

#GalateoLinkedin: definiamo le regole, insieme

Come si usa Linkedin? Come faccio a trovare lavoro sul web? Come posso creare dei contatti interessanti? Ma soprattutto.. ha senso usare i social media? Esistono regole? Sicuramente ti sarai posto alcune di queste domande che - come puoi immaginare - non trovano sempre una risposta univoca.

Ne ho parlato con Valentina Marini - per piacere non confondiamola con Valeria - HR Consultant, esperta di Employer Branding e una vita passata in viaggio sul treno e ogni tanto con pause nella sua amata Sabaudia. Ho sposato da poco il suo progetto #GalateoLinkedin e volevo dare il giusto spazio a questa interessante iniziativa che merita attenzione.

Q: Non mi stancherò mai di dirlo: i social media sono strumenti di comunicazione che potenzialmente ti possono aprire infinite opportunità. Potenzialmente... Perché bisogna saperli usare. Ogni piattaforma ha le sue regole comportamentali non scritte. Ad esempio Facebook premia i contenuti multimediali, Twitter il microblogging, LinkedIn il social networking professionale. Ma c’è ancora tanta “ignoranza” sul tema. Come mai?

A: Condivido la tua analisi. Ne ho quotidiana riprova nella mia attività di formazione sull’utilizzo consapevole dei social, rivolta sia ai dipendenti di aziende che agli studenti. I più senior, non digital native, mostrano resistenze per lo più legate al rischio di vedere compromessa la loro reputazione o di rendere pubblica la loro vita privata o, infine, perché sostengono di non aver abbastanza tempo da dedicare. I più giovani, invece, sottovalutano i rischi in quanto abituati a utilizzare i social network, ma generalmente meno attenti ai potenziali effetti dei loro comportamenti online.

Q: Prendiamo ad esempio LinkedIn. Con l’acquisizione da parte di Microsoft la piattaforma sta subendo un epocale cambiamento, trasformandosi sempre più in un social network. Cosa ci perdiamo nel non sapere usare al meglio la piattaforma?

A: LinkedIn può facilitare varie opportunità che spaziano da offerte di lavoro e sviluppi commerciali, ad aggiornamenti tecnici e professionali. Non ho utilizzato casualmente la parola “facilitare”: LinkedIn è solo uno strumento e, per massimizzarne i risultati, l’utente deve mettersi in gioco con le stesse logiche del networking offline. È fondamentale investire tempo ed energia: creare e condividere contenuti, mostrare competenze nei gruppi professionali, interagire con i professionisti, personalizzare i collegamenti, creare una rete professionale coerente con i propri obiettivi.

Q: Immagino da qui sia nato il progetto #GalateoLinkedin. Raccontaci qualcosina in più.

A: Il progetto #GalateoLinkedin nasce sulla rete e da un confronto tra persone che utilizzano la piattaforma come strumento professionale. Le riflessioni che stanno emergendo sono tutti interrogativi su qual è il modo migliore di usare LinkedIn. Io e Giada Susca ne parlavamo da tempo e l’incontro con Federico Ott, Guglielmo Sandullo, Elena Grandinetti e Andrea Bifulco, ci ha spinte ad intraprendere questa avventura. Abbiamo iniziato lanciando una survey per dare concretamente voce alle persone e creare insieme il primo Galateo.


Partecipa anche tu alla creazione del #GalateoLinkedIn. Contattami!


 

Q: What else? Quali sono gli step successivi?

A: Vista l'inaspettata ed entusiasmante partecipazione alla survey il dibattito si sposta offline: a Roma e a Milano stiamo organizzando due incontri in modalità brain-storming. Sono già molte le persone che si sono fatte coinvolgere nell'iniziativa: studenti e referenti aziendali, docenti universitari, opinion leader del web. Con questi presupposti creeremo un dialogo costruttivo, una sorta di "ponte” tra le diverse parti coinvolte, che ha nell'indipendenza il suo vero punto di forza.

Q: Il progetto è partito con l’entusiasmo di tanti esperti di settore e professionisti del mondo digitale. Quale sarebbe il risultato più bello che vorresti raggiungere a conclusione del progetto? (Semmai ci sarà una conclusione visto che l’evoluzione non ha mai fine)

A: Hai ragione, siamo partiti letteralmente in preda all'entusiasmo, quasi inconsapevoli della sfida. Da questa energia ne è venuta fuori una dose di coinvolgimento inaspettata: tanti i contributi, pareri, offerte di supporto e collaborazione provenienti da professionisti che, come te, dedicano tempo e si spendono in prima persona. Vogliamo ripagare questa attenzione con il nostro #GalateoLinkedIn e ciò che ne seguirà. Forse siamo solo piccole gocce nel mare del web, ma convinti che quelle gocce possano diventare esse stesse il mare.

Dunque perchè non far decollare questa iniziativa? Se sei interessato a partecipare o se vuoi dare un contributo scrivici pure. Segui l’hashtag #GalateoLinkedIn!

Commenti

commenti

Andrea Solimene

1 comment

Leave a reply