libro sul growth hacking

Growth Hacker: i segreti di una delle professioni del futuro in un libro

Oltre mille partecipanti in meno di un mese, di cui 200 solo nell'evento di lancio a Milano: tanti sono gli esperti o i semplici appassionati che, finora, hanno seguito Raffaele Gaito nelle tappe del tour di presentazione del suo Growth hacker. Mindset e strumenti per far crescere il tuo business, il libro sul growth hacking- l’innovativa metodologia di business che combina marketing e data analysis- divenuto un fenomeno editoriale in pochi mesi, tre volte bestseller di categoria su Amazon- la prima volta solo grazie alle prenotazioni.

Growth hacking: una carta vincente per aziende e professionisti

Nato nell'ambiente rapido e incerto delle startup americane, il growth hacking è una disciplina che combina marketing, prodotto e analisi dei dati, estremamente efficace nel consentire crescita e sviluppo alle aziende che la applicano.

Il Growth Hacking non serve a darti risposte, ma a farti porre le giuste domande spiega Gaito - È così che mi piace descrivere questa piccola grande rivoluzione in atto nel mondo del marketing, che ha il focus assoluto sulla crescita e si basa solo ed esclusivamente sui dati.

Il Growth Hacking ha letteralmente travolto aziende di ogni tipologia e dimensione, non solo startup e non solo digitali: basti pensare che persino un colosso come Coca-Cola ha licenziato il Marketing Manager (CMO) per sostituirlo con un Growth Hacker (CGO).

Questo a dimostrazione che tutte le imprese hanno bisogno di crescere, ma ovviamente "crescita" ha diversi significati a seconda della fase in cui si trova l'azienda.

Un’opportunità non solo per le aziende, quindi, ma anche per tutti quei giovani professionisti che possono così confrontarsi con una disciplina innovativa e stimolante, i cui specialisti sono ricercatissimi dal mercato del lavoro: un’occasione imperdibile, quindi, per tutti gli esperti o i curiosi, che potranno discutere di growth hacking con Raffaele Gaito e Luca Barboni, altra figura di riferimento del settore in Italia.


Leggi anche Il processo di Growth Hacking, un framework per iniziare


Gli organizzatori

Il team di Startup Grind Rome è focalizzato sul generare contenuti di valore per le persone che partecipano - spiega Alessandro Petrich, Chapter Director - Io, personalmente, non sono soddisfatto quando alla fine, durante il networking, sento dire che l'evento è stato bellissimo; lo sono solo se sento dire che è stato utilissimo.

Questo perché saper di essere stati utili anche solo a una persona tra quelle intervenute ci rende orgogliosi di quello che facciamo e ci spinge ad andare avanti nell'organizzare eventi di valore.

Lo scopo è far sì che la community possa apprendere dai migliori, e sicuramente Raffaele Gaito è un "top player", al quale chi parteciperà potrà "rubare" molta conoscenza.

Peekaboo è una community di innovatori, da quando esiste sono state intraprese sempre collaborazioni con tutti gli operatori del territorio per promuovere la contaminazione tra talenti e lo sviluppo dell’ecosistema startup romano. 

Per questo motivo ospiteremo Startup Grind e Raffaele Gaito, e vi anticipo che questo sarà solo il primo di tanti eventi che vedrete in Startup Studio - spiega Federico Belli, founder di Peekaboo

E conclude Claudio Rossi, imprenditore seriale e CEO di Startup Studio:

Sono orgoglioso di ospitare Raffaele Gaito nel mio nuovo spazio di co-working perché, dopo aver creato diverse imprese e aver investito in 11 startup, ho avuto numerose conferme che solo una metodologia come il Growth Haking può consentire agli imprenditori di costruire e mantenere il proprio vantaggio competitivo, soprattutto se vendono prodotti innovativi.


Potrebbe interessarti anche Comprimere il Burn Rate di una startup: Growth Hacking e Work for Equity


 

Commenti

commenti

Spremute Digitali

Leave a reply