vantaggi AI

Impatto e vantaggi dell'AI sull'organizzazione

Ormai è chiaro a tutti. L’Intelligenza Artificiale (AI) è qui per rivoluzionare tutti i settori di mercato. Nelle prossime righe ti illustreremo i principali impatti e benefici dell’AI sulle organizzazioni.

L'intelligenza artificiale è una tecnologia esponenziale che tutti ambiscono ad integrare all'interno dei processi di business, ma che ancora è lontana dal rappresentare un vantaggio competitivo reale nelle azioni di molti.

Dalla raccolta dati, alla velocità di analisi e capacità di calcolo, gli algoritmi elaborati grazie all'intelligenza artificiale offrono nuove soluzioni per lo svolgimento di processi e attività.

Ma cos'è l’Intelligenza Artificiale, come funziona e perché è tanto dirompente? E soprattutto quali sono i principali impatti e i vantaggi dell’introduzione dell’AI all'interno di un’organizzazione?

Prima di tutto, cos'è l’Intelligenza Artificiale?

Il fenomeno non ha origini molto recenti: la comunità scientifica iniziò a parlare di intelligenza artificiale già nel 1943 e attrasse l’interesse pubblico con Alan Turing, il precursore che condusse poi alla nascita dei computer.

L’AI è un’intelligenza informatica, una disciplina in cui convergono tecniche di programmazione basate sulla formulazione di algoritmi sempre più sofisticati in grado di replicare le capacità tipiche dell’essere umano: interazione con l’ambiente, apprendimento e adattamento, ragionamento e pianificazione

A fare la differenza è la loro capacità di imparare in maniera autonoma e di creare conoscenze invece di ripetere semplicemente le informazioni che ricevono.

Partendo dai meccanismi di funzionamento del cervello umano, l’Intelligenza Artificiale lavora in emulazione e permette alle macchine di agire umanamente, pensare umanamente, pensare razionalmente, agire razionalmente.


Leggi anche Artificial Intelligence. Perché adesso?


vantaggi ai

L’impatto e i vantaggi di AI sulle organizzazioni

1. Incremento del fatturato

Secondo McKinsey, l’AI impiegherà probabilmente un tempo tra i 10 e i 30 anni per affermarsi. Entro il 2030 potrebbe aggiungere all'attività economica del mondo 13 mila miliardi di dollari, cioè l’1,2% del Pil globale ogni anno.

Potenzialmente, può aumentare il digital divide tra Paesi: quelli più avanzati, a salari più alti, hanno maggiori incentivi a introdurla di quelli arretrati: i primi potrebbero catturare benefici economici tra il 20 e il 25%, gli altri tra il 5 e il 15%. Sarà insomma importante essere all’avanguardia.

2. Aumento dei posti di lavoro

Secondo un Report di Capgemini, l’Intelligenza Artificiale crea nuovi posti di lavoro, lo pensano 4 aziende su 5. La ricerca ha evidenziato che grazie all'utilizzo dell’Intelligenza Artificiale circa l’83% del campione analizzato ha creato nuovi posti di lavoro. Ciò testimonia il fatto che l’AI consente all’individuo di concentrarsi maggiormente sulle attività che creano valore aggiunto legate alla creatività e all’intelletto.

E per neutralizzare le paure, oltre i 3/5 delle imprese affermano che non vi è stata alcuna perdita di posti di lavoro.

3. Miglioramento dei processi e Riduzione dei costi

Con il Machine Learning, le macchine sono in grado di imparare dai dati e sono facilmente adattabili a ogni situazione. Ci sono diversi vantaggi dati dalla possibilità di conoscere in tempo reale e di prevedere il comportamento di reti, macchinari, output, processi, clienti e operatori.

Combinando e confrontando i feedback di tutti questi fattori, le piattaforme di AI letteralmente imparano a determinare tramite calcoli probabilistici quale causa comporta quale effetto, e quindi a fare previsioni – sempre più attendibili man mano che aumentano i dati ingeriti – sul modo in cui si comporteranno macchinari, prodotti, clienti e operatori in situazioni reali prevedendo guasti, disservizi e scelte compiute.

La conseguenza è un netto miglioramento dei processi in termini di efficienza e riduzione dei costi.

4. Maggiore Sicurezza

Ogni giorno in Italia perdono la vita in media tre lavoratori: tra i principali fattori di infortunio ci sono i comportamenti scorretti connessi all’interazione uomo-macchina.

L’evoluzione dei sistemi di protezione, proprio grazie all’intelligenza artificiale, riusciranno ad essere molto più dinamici e proattivi. Dalla sicurezza informatica e dei propri dati digitali, fino alla sicurezza nelle strade grazie alle auto a guida autonoma e sicurezza sul posto di lavoro.

Diverse aziende stanno sperimentando l'AI sul posto di lavoro. La Paper Converting Machine Company ha installato speciali termocamere in luoghi “sensibili” per analizzare i relativi flussi video. Gli occhi digitali svolgeranno una doppia funzione: ravvisare eventuali anomalie della linea produttiva e individuare le non conformità che conducono ad azioni ritenute pericolose.

Le informazioni raccolte saranno inviate al sistema centrale che le potrà analizzare e predisporre campagne di prevenzione e corsi specifici. Il software sarà anche in grado di inviare in tempo reale degli alert (via email e sms) ai responsabili della sicurezza per un pronto intervento in caso di emergenze.

5. Acceleratore di Innovazione

L’Intelligenza Artificiale e le ricadute su sistemi produttivi e modelli di business. Sono i temi affrontati nell’incontro annuale dell’Airi, l’Associazione Italiana per la Ricerca Industriale fondata nel 1974.

Secondo Airi, l’Intelligenza Artificiale sarà un motore dell’innovazione non solo nei settori ad alta tecnologia, ma anche in quelli più tradizionali. Per programmare e utilizzare le macchine però il sapere e l’esperienza dell’uomo rimangono centrali.

Un recente report di The Boston Consulting Group e MIT Sloan Management Review dimostra che la riduzione della forza lavoro è temuta solo da meno della metà dei manager intervistati.

Dai risultati dell’indagine le aziende non sono ancora del tutto pronte per affrontare la grande rivoluzione che porterà l’Intelligenza Artificiale. Sembra infatti che solo un’organizzazione su 20 abbia sviluppato processi o offerte in maniera estensiva e che meno del 40% delle società abbia una strategia che includa l’Artificial Intelligence.

Per affrontare al meglio un percorso per l’adozione dell’Intelligenza Artificiale serve attrezzarsi su vari fronti:

  • innanzitutto, capire come utilizzare l'AI nel proprio caso e settore per aumentare il potenziale di business;
  • comprendere come organizzare la forza lavoro integrando le persone e i sistemi automatizzati;
  • predisporre una struttura di dati efficace, che consenta agli algoritmi di essere “addestrati”, cioè di imparare dalle esperienze precedenti;
  • infine, dotarsi di database integrati e delle corrette infrastrutture di supporto.

 

Per comprendere come introdurre l'AI o quali sono le opportunità legate alla tecnologia, Seedble, business accelerator focalizzato sulla consulenza all'innovazione, ha progettato diverse soluzioni per esplorare i vari aspetti dell’intelligenza artificiale. Visita la pagina web (ETP) e richiedi una inspiration session per la tua organizzazione. Scoprirai tutti i lati dell'AI e vedrai da vicino i benefici della tecnologia e i vari ambiti di applicazione.

P.S. speriamo che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia dato una visione e un breve sguardo sugli impatti dell’AI nelle organizzazioni. Se ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici o le persone che pensi ne abbiano bisogno!


Potrebbe interessarti anche Storie contemporanee di serial killer: le tecnologie emergenti e la Digital Transformation


 

Commenti

commenti

Spremute Digitali

2 comments

Leave a reply