valore aggiunto profilo linkedin

Perché è importante essere iscritti a LinkedIn anche se sei uno studente? Quando un profilo “Rock” è fondamentale!

Molto spesso gli studenti si domandano quale sia il valore aggiunto di avere un profilo LinkedIn, se la loro unica esperienza da raccontare è quella da studenti. La risposta che sono soliti fornirsi è “ci penserò quando dovrò cercare attivamente un lavoro…”

È arrivato allora il momento di sfatare alcuni falsi miti e provare a capire le potenzialità che, uno strumento come LinkedIn, può offrire non solo a Professionisti, Manager e Imprenditori, ma anche agli studenti che si inseriranno nel mondo del lavoro nel breve termine.

Forse non tutti sanno che…

  • questa piattaforma social è nata nel 2003;
  • consta di +613 milioni di utenti iscritti nel mondo, +13 milioni solo in Italia e si iscrivono 2 utenti al secondo;
  • sono presenti più di 483 mila aziende in tutto il mondo;
  • i budget aziendali relativi alla comunicazione, alla selezione, alle campagne di employer branding sono stati quasi interamente spostati su LinkedIn;
  • è anche chiamata “il Google del mondo del lavoro”.

Perché LinkedIn non è solo una vetrina statica del curriculum vitae: la ricerca del lavoro è solo al quinto posto delle infinite possibilità che questo social network professionale offre.


Leggi anche Su Instagram e Facebook si può trascorrere il tempo, su LinkedIn si deve INVESTIRE


E allora, a cosa serve LinkedIn per uno studente?

Serve a:

  • Connettersi con il mondo dei professionisti;
  • Essere informati attraverso la comunicazione che le aziende fanno sulle pagine aziendali e attraverso i profili dei professionisti;
  • Costruire la propria carriera professionale;
  • Cominciare a creare il proprio brand personale e posizionarsi in maniera distintiva;
  • Condividere pensieri e opinioni, partecipando ai gruppi di interesse;
  • Respirare il clima professionale che rende LinkedIn diverso dagli altri social network.

Negli ultimi due anni, la mia professione mi ha portato ad incontrare tantissimi studenti in scuole, università e Master e, l’esperienza raccolta, mi porta a suggerire a tutti coloro che hanno ancora delle perplessità circa l’efficacia di uno strumento come LinkedIn, alcuni consigli.

Alcuni consigli utili per conoscere come funziona LinkedIn e qual è la sua efficacia

1. Il primo consiglio è senza dubbio quello di non aspettare di aver bisogno di un lavoro per costruire la rete professionale: le relazioni di valore, si costruiscono mettendosi in ascolto della rete, osservando, imparando soprattutto da quello che fanno altri.

2. Il secondo è quello di rafforzare i momenti di condivisione dei propri obiettivi professionali con gli amici e colleghi universitari, per cercare di capire in che modo sia possibile aiutarsi vicendevolmente.

La contaminazione che nasce dai confronti che emergono da percorsi di studi diversi, il “knowledge sharing”, lo sperimentarsi in progetti trasversali, sono di estremo valore per la costruzione di una solida identità professionale che si rafforzerà quando ci si confronterà con il mondo del lavoro.

3. Il terzo è quello dell’esercizio della curiosità: seguire pagine aziendali di interesse, influencer di settore, leggere articoli e pubblicazioni, seguire corsi nella sezione learning, iscriversi ai gruppi professionali tematici per incontrare professionisti che condividano la loro esperienza. Questi accorgimenti permetteranno di far chiarezza sulla industry scelta per lo sviluppo professionale.

Ecco il vero valore della piattaforma LinkedIn.


Per approfondire Come funziona LinkedIn? Suggerimenti utili ed "umani" per un ottimo utilizzo


I requisiti indispensabili per costruire un profilo LinkedIn e la propria professionalità

Fino ad ora non abbiamo parlato di competenze tecniche o di ricette preconfezionate per costruire un profilo LinkedIn alla massima efficacia, ma di un approccio alla rete che ci permetta di "abitarla" in modo consapevole e costruttivo.

Ma nonostante questo, è bene ricordarsi che esistono dei requisiti imprescindibili sia per la costruzione di un profilo LinkedIn efficace che di una solida professionalità:

  • Autenticità: ricordiamoci sempre che costruire il proprio personal branding richiede conoscenza di sé e delle proprie competenze (cosa so fare, perché lo faccio, cosa mi distingue dagli altri, qual è il mio valore aggiunto) e non significa mentire o gonfiare la propria immagine.
  • Coerenza: con l’obiettivo professionale e con le esperienze maturate.
  • In continuo aggiornamento: un profilo efficace si evolve e cresce di pari passo alle nuove competenze acquisite, condivide contenuti o notizie di settore con proprie rielaborazioni, si inserisce nelle conversazioni mostrando il proprio punto di vista.

Chi si occupa di formazione degli studenti, ha a mio avviso il dovere educativo di seguire il loro sviluppo consapevole, mostrando loro i rischi, ma soprattutto le infinite opportunità che la rete offre.

Questo lo si può fare in tanti modi: valorizzando il loro sapere (facendoli partecipare a momenti intergenerazionali), spronandoli a confrontarsi su progetti trasversali (non collegati alla loro expertise di settore), creando occasioni di positiva competizione (come per esempio la progettazione di contest ad hoc).

L'esperienza vissuta dagli studenti universitari con LinkedIn

perché è importante linkedIn

Gli studenti del progetto Camplus

A tal proposito riporto l’esperienza positiva vissuta in Camplus College, una rete di residenze di eccellenza per studenti universitari presente nelle principali città universitarie, che ha visto i giovani studenti “sporcarsi le mani” su questo social.

Dati gli elementi informativi, e dopo aver ragionato con loro sulle opportunità che il social network professionale potesse offrire loro, si sono sperimentati nella “competizione tra loro” nel mondo del lavoro virtuale, sistemando la loro immagine professionale, interagendo con professionisti, pubblicando le loro esperienze di studi, condividendo articoli, ecc...

Workshop Personal Branding con LinkedIn, Camplus

Workshop Personal Branding con LinkedIn, Camplus

 

LinkedIn è solo uno strumento (potentissimo) per uscire dalla zona di comfort e aprirsi al mondo professionale. La differenza la fa ciascuno studente, ciascuno di voi.

Ti aspetto online, un luogo bellissimo da abitare consapevolmente.

Se l’opportunità non bussa, costruisci una porta… Milton Berle

 


Potrebbe interessarti anche #GalateoLinkedIn: un libro incentrato sul web, che crea reti di senso tra persone


 

Commenti

commenti

Giada Susca

Leave a reply