innovazione digitale

L’Italia crede nell’innovazione digitale: gli ingredienti a disposizione di imprese e PMI

Il rapporto del Digital Transformation Institute rileva che  il 39% delle piccole-medie imprese dichiara di aver effettuato investimenti in tecnologie digitali. E di queste il 62% ha notato un miglioramento significativo nei ricavi.

Uno scenario ottimista che viene confermato dal rapporto presentato dagli Osservatori Artificial Intelligence del Politecnico di Milano durante il WMF18, ponendo l'attenzione sull'intelligenza artificiale e nello spazio che si sta ritagliando dentro settori “tradizionali” come il manifacturing, il fashion, il beauty e l’healthcare.

Il 9,6% delle imprese operanti nei settori citati (su 750 casi) ha applicato, in particolare, all’interno del proprio modello di business la tecnologia dell'Intelligent Data Processing, un algoritmo in grado di estrarre informazioni da dati strutturati e non strutturati.

Quali ingredienti a disposizione di imprese e PMI?

Al Festival, nella sala Digital4PMI, è stato possibile seguire un percorso formativo con interventi e momenti di approfondimento dedicati all'argomento, verticali sul mondo dell’imprenditoria e del commercio, esplorando le nuove possibilità portate dal digitale.

Le opportunità a disposizione di imprese e PMI oggi sono molte:

  • Export e marketing digitale: focus affrontato in sala da Emanuele Ricci di Pro Export, che attraverso lo studio di un caso reale di un’impresa ha raccontato il successo della strategia web, applicata per entrare in due nuovi mercati europei ed ingrandire così il target di mercato.
  • Campagne di crowdfunding online per la raccolta di capitali: (qui puoi trovare le migliori piattaforme in Italia) le campagne di crowdfunding sono sempre di più utilizzate dalle imprese che cercano fondi per sviluppare le proprie idee. Una freccia sempre più incisiva nelle strategie di marketing anche delle PMI che vogliono innovarsi. Ottenere finanziamenti per i propri progetti, è allo stesso tempo, opportunità e banco di prova per valutare se l’idea proposta può avere un buon impatto sul mercato. Dello sviluppo di campagne di crowdfunding online per la raccolta di capitali, ha parlato Luca Cancellara di SiamoSoci.
  • Soluzioni digitali a supporto delle vendite in un’impresa: Mauro Lupi di DigitalBreak, nel suo intervento ha toccato gli ambiti in cui gli strumenti del web aiutano il day-by-day di un responsabile commerciale in tutte le fasi del processo di vendita.

Questi interventi lasciano trasparire quella che è ormai la realtà: Internet ed il digitale sono di fondamentale importanza per imprese e PMI. Il motivo non è più banalmente legato all'opportunità di visibilità che offre la rete; va oltre.

È un valore che ha totalmente cambiato il modello di business; la digitalizzazione non è più una semplice scelta di dove indirizzare un budget pubblicitario, ma influisce sulla conformazione stessa dell'azienda, della capacità di aprirsi verso il mercato e verso nuove possibilità di sviluppo.


Leggi anche Business Plan e Business Model: le cose da sapere


I nuovi settori orientati al marketing digitale: quando l'anima artigiana incontra le nuove tecnologie

Quello del marketing digitale, è un tema che interessa e tocca ormai i settori anche di artigiani ed industrie. Ne è stata la conferma il WMF Award – I Premi del Web Marketing, iniziativa dedicata a progetti di digital transformation delle PMI.

Ad aggiudicarsi il premio Digital Transformation for PMI, è stata Tryeco 2.0, realtà che si è distinta per l’unione dell’artigianato tradizionale con le nuove tecnologie, dando impulso al processo di innovazione dei modelli di business tradizionali. Una "creative maker farm" che offre servizi di modellazione tridimensionale avanzata, alla prototipazione rapida; dalla realizzazione di modelli architettonici, alla simulazione di inserimento ambientale.

Il progetto vincitore si chiama “MIX – Museum Interaction eXperience”, un’applicazione interattiva per la promozione e la comunicazione del patrimonio culturale.

Con questa app si ha la possibilità di visualizzare ed interagire con diversi tipi di informazioni in un ambiente immersivo, ma senza perdere il legame con la realtà. Attraverso Augmented Reality e Virtual Reality permette ad esempio ai curatori museali di inserire informazioni senza ricorrere a terze parti ed ai visitatori di accedere ai contenuti, in maniera facile e innovativa.

Possiamo dire quindi che l’Italia crede nell'innovazione, grazie ai tanti talenti e realtà che creano e portano avanti soluzioni tecnologiche, coltivando le proprie idee e progetti innovativi.

Un’avanguardia digitale Made in Italy dalla maturità internazionale. (Cosmano Lombardo)

Commenti

commenti

Sara Duranti

Leave a reply