integrare marketing offline e online

Perché integrare? Le imprese ed i cambiamenti

Quanto la tecnologia ha preso il sopravvento nella tua vita? Quanto è cambiato l’asset aziendale della tua impresa? Bene, queste sono solo due delle tantissime domande che ogni giorno dovremmo porci per restare sul pezzo ed essere sempre all'avanguardia. Con lo sviluppo tecnologico, dato dall'avvento delle tecnologie Web 2.0 e dei Social media, il commercio ha mostrato un notevole cambiamento.

L’e-commerce ha stravolto le nostre normali abitudini, ed ha ampliato e perfezionato i desideri di noi tutti consumatori.

Qual è il vero interesse delle imprese, in virtù di tali cambiamenti?

L’interesse principale delle imprese è dato dalla possibilità di integrare i due canali, online, quello virtuale ed offline, quello reale, di modo che si possano cogliere tutte le opportunità che la tecnologia offre, per migliorare il proprio business.

Da sondaggi ed opinioni emerse, è stato dimostrato infatti, che i consumatori non stanno abbandonando il canale reale preferendo quello virtuale, ma anzi, apprezzano la possibilità di sfruttarli entrambi; non hanno perso tempo e si sono ben presto abituati ai nuovi mezzi, e ne hanno fatto una necessità.

Ai consumatori è data la scelta di adottare due tipi di comportamento:

  • Alternate: quando l’esperienza di consumo inizia con un mezzo, che viene in seguito abbandonato preferendo l’altro, ed infine ci si ritorna per concludere l’acquisto;
  • Deviate: quanto l’esperienza di consumo inizia in un mezzo e finisce nell'altro.

La scelta del mezzo attraverso cui effettuare l’acquisto dipende molto dal tipo di prodotto, e anche questi si dividono in due grandi gruppi definiti:

  • Prodotti geometrici: ovvero, quelli in cui al momento della valutazione, prevale l’aspetto visivo. Tale aspetto può essere fornito adeguatamente anche in un contesto virtuale, grazie alle nuove tecnologie.
  • Prodotti materiali: quelli per cui il tatto ha un valore fondamentale. Richiedono una valutazione fisica al momento dell’acquisto (abbigliamento ed accessori per la casa ad esempio).

I consumatori sono più orientati all'acquisto online dei prodotti geometrici, mentre preferiscono l’acquisto in punto vendita dei prodotti materiali, per una serie di motivazioni collegabili alla fiducia ed alla sicurezza.


Leggi anche: Lo sai che i tuoi clienti vendono più di te?


integrare marketing offline e online

Integrare marketing offline e online per migliorare gli acquisti dei propri clienti. Come?

Le imprese in ambito multicanale, devono prestare molta attenzione al modo in cui gestiscono i propri dati, infatti se il consumatore trova indicazioni discrepanti, la confusione che questa situazione genera, si ripercuote nell'atto di acquisto.

Ma quali accortezze e comportamenti dovrebbe intraprendere un’impresa, per realizzare al meglio l’integrazione del canale online ed offline?


Leggi anche Multi ed omni-channel retailing: nuove strategie organizzative. Le imprese si aggiornano all'evoluzione del mercato


Alcuni suggerimenti

  • Utilizzare il canale online per rafforzare le relazioni di fiducia, avviate offline;
  • Migliorare il contenuto informativo del sito aziendale per soddisfare istantaneamente la curiosità dei consumatori;
  • Semplificare quanto più possibile la navigabilità del sito per stimolare un atteggiamento accomodante nei consumatori;
  • Strutturare sistemi di gratificazione degli utenti che utilizzano frequentemente il web, migliorando l’economicità dell’impresa.

Il raggiungimento di un'ideale integrazione online/offline dell’attività d’impresa ottiene il principale effetto di migliorare la relazione con il consumatore, soprattutto per quanto riguarda il sentimento di fiducia che si crea, e grazie alla consapevolezza di poter comunicare con l’impresa in qualsiasi momento.

Cosa ha comportato tutta questa novità?

Da recenti studi ed analisi è emerso che la multicanalità è sempre più mobile, e gli italiani sempre più eShoppers.

Il 60% della popolazione al di sopra dei 14 anni di età perfeziona il processo di acquisto attraverso un mix di touchpoint tradizionali e digitali, dove la multicanalità ha cessato di rappresentare un fattore occasionale o opzionale all'interno del customer journey: i comportamenti si sono evoluti e i consumatori italiani sono ormai abituati a vivere la rete in logica everywhere e in ottica seamless, ovvero come un ambiente unico composto da una molteplicità di canali cui attingere.

Dalle scelte delle imprese sul perché integrare, emerge una domanda: Cosa vendere online e cosa no?

Sicuramente il mondo del fisico e del digitale, ormai sono sempre più combinati tra loro, ma le imprese alle volte non inseriscono in rete tutta la loro gamma di prodotti.

Inizialmente infatti, effettuano dei controlli relativi alle vendite ed alla distribuzione, solo successivamente si passa al commercio online.

Nel momento in cui le aziende decidono di inserirsi nel mercato online, effettuano delle scelte sul cosa vendere, cosa no e cosa magari promuovere o meno. Questo perché alle volte, le stesse aziende vendono pacchetti di prodotti, sui quali possono essere effettuati sconti o promozioni. E spesso si tratta di campagne di marketing atte proprio ad incentivare le vendite e far concorrere sempre al meglio i due canali.

Ed ora dicci la tua … quanto sono cambiate le tue abitudini grazie alle nuove tecnologie? Scrivimi nei commenti 😉

Commenti

commenti

Francesca Cozzolino

Leave a reply