intervista a Francesco De Nobili

L'autore di SEO Google si racconta: Intervista a Francesco De Nobili

Uno dei relatori di MARKETERs Festival quest'anno sarà Francesco De Nobili, autore del libro SEO Google, una guida al web marketing con gli strumenti di Google, e papà di comunicazionelavoro.com, il sito di riferimento per chi cerca lavoro e formazione nel campo nella comunicazione e nel Web.

Francesco, che già conoscevo proprio per aver letto il suo libro (e che consiglio anche a te di leggere), sarà al Festival di Treviso con il workshop "Digital Marketing Integrato. Strategia, Strumenti, Applicazioni".

Incuriosita dal titolo dell'intervento ho voluto scambiarci due chiacchiere che sono diventate poi un'intervista.

Buona lettura!

Potenzialità del Digital Marketing oggi: Intervista a Francesco De Nobili

Oggi per utilizzare efficacemente le potenzialità del digital marketing, sappiamo che è sempre più necessario per marketers e decision makers, avere un metodo per integrare le diverse attività e i diversi strumenti a disposizione.
Ma come ci si arriva?

Attraverso il metodo del digital marketing integrato e degli strumenti pratici, con i quali possiamo collegare le diverse attività: dal mobile engagement, all'account based marketing, dal growth hacking al neuromarketing.

Lascio ora la parola a Francesco.

Q. Ciao Francesco, parlaci un po’ di te e di cosa ci racconterai al MARKETERs Festival.

A. Sarà la prima uscita pubblica dove presenterò il mio nuovo progetto (con tanto di sito dedicato prossimo ad andare online) in cui condividerò periodicamente i risultati delle mie sperimentazioni e ricerche in digital marketing.
Al MARKETERs Festival farò vedere, come nel marketing di oggi, è sempre più fondamentale integrare le diverse attività e i diversi strumenti attraverso un approccio unico, ma interconnesso, con l'obiettivo di creare una reale e concreta interazione con il nostro pubblico di riferimento.

Solo così potremmo sfruttare in maniera efficace tutte le opportunità che arrivano dai nuovi trend del momento: dal mobile engagement all’account based marketing, dal growth hacking al digital neuromarketing ecc.

Q. In che anno hai iniziato ad occuparti di Strategie di Web Marketing e perché?

A. È difficile indicare una data precisa perché sono sempre stato affascinato da internet sin dagli albori.

Posso dire che dal 2001 mi occupo di comunicazione online e che gioco-forza, anche in funzione dei grandi cambiamenti tecnologici e social che ci sono stati, quest’attività si è evoluta nel web marketing prima, e nel digital marketing adesso, con l'integrazione anche dei diversi dispositivi tecnologici (smartphone, Smart TV, dispositivi con comandi vocali ecc.).

Q. Hai alle spalle studi di carattere sociologico. Il tuo background in sociologia ha influito molto sulla scelta della tua carriera?

A. Beh devo dire che è un "plus" che ancora mi porto dietro, soprattutto per l'approccio empirico, sempre più fondamentale oggi nel mondo del digitale.

Essendomi pure laureato con una specializzazione in Marketing ho avuto da subito il giusto metodo per collegare in maniera corretta i dati con le azioni da svolgere, in funzione degli obiettivi.
Inoltre tutto questo è avvenuto in un momento in cui stavano cambiando tutti i metodi e i processi di analisi. Pertanto, per me che avevo studiato tutto questo nell'era "pre-Internet", è risultato subito evidente quanto potenziale ci fosse con le nuove tecnologie.

È una visione che mi permette sempre di vedere la totalità della situazione, invece che un singolo frammento, come spesso accade se ci si concentra solo su un aspetto del digital marketing (SEO, social media marketing, User experience ecc.)

Q. So che ti occupi anche di SEO. Come hai imparato, e quanto è importante la semiotica, oltre all'approccio informatico?

A. Ho imparato come tanti sul campo, sperimentando ogni giorno nuove soluzioni. Provenendo però da una formazione più umanistica, ho sempre fatto molta attenzione ai processi con cui le persone ricercavano determinate informazioni sui motori di ricerca.

Pertanto è logico che considero lo studio di discipline come la semiotica, un bagaglio di conoscenza che può essere senz'altro utile non solo per la SEO, ma per comprendere ad esempio i processi ed i percorsi di acquisto.

Q. Parlaci di comuncazionelavoro.com, portale di formazione e lavoro per le professioni digitali. Perché hai scelto di creare questo progetto?

A. L'idea è nata nel 2011, principalmente per rispondere a tutti quelli che criticavano la laurea in Scienze della Comunicazione e per i tanti colleghi giornalisti che stavano perdendo il posto di lavoro in quel periodo.

Avevo intuito che attraverso il web si sarebbero create nuove professioni che univano da un lato, lo studio più classico della scrittura e del marketing, e dall'altro, l'utilizzo dei nuovi strumenti digitali.

Da qui l'idea di pubblicare ogni giorno un annuncio di lavoro selezionato e rivolto a queste nuove professioni digitali; a formare con corsi periodici le persone che avevano una laurea che non riuscivano a sfruttare nel mondo del lavoro, che volevano intraprendere una nuova carriera lavorativa o si dovevano reinventare. Come accade ancora oggi per molti giornalisti della carta stampata.

Q. Ho letto il tuo libro SEO Google qualche anno fa, e devo dire che è stato fondamentale. Puoi svelare qualche chicca su come utilizzare Google nel web marketing?

A. Grazie per la scelta intanto! Come scritto nel libro, non ci sono segreti, trucchi e bottoni magici, ma sono il metodo e il lavoro costante che possono fare la differenza.

Il vero consiglio è quello di tenere una parte delle proprie attività per sperimentare e testare nuove soluzioni: il bello del web è che se le idee sono giuste prima o poi si vedono i risultati.


Qui puoi acquistare il libro SEO Google e imparare come utilizzare Google nel Web Marketing.


Q. Fai un regalo ai lettori, consiglia dei tool di Google per il posizionamento di un blog.

A. Oggi i software a servizio della SEO sono sempre di più a pagamento, visto l'elevato valore che possono generare. Tuttavia, spesso mi capita di vedere in azienda che uno dei pochi tool disponibili gratuitamente non è usato, o collegato in modo adeguato.

Mi riferisco a Google Search Console. Un servizio gratuito di Google per ottenere ottime informazioni sull'attività SEO, ma che necessariamente deve essere anche collegato ed integrato con Google Analytics: solo in questo modo si otterranno davvero dati e informazioni fondamentali per l'attività!

 

Ringrazio Francesco per il tempo dedicatomi e ti ricordo che, l’appuntamento con il MARKETERs Festival è per Sabato 25 Novembre al Centro Congressi Villa Fiorita, a Monastier di Treviso.


Per partecipare, utilizza il codice sconto SCONTOSPREMUTEDIG dedicato a te 🙂
Potrai accedere al festival ad un prezzo scontato di € 79,00 + iva. Vai alla pagina per l'acquisto dei biglietti e inserisci il codice promo nella voce "immetti codice promozionale".

Commenti

commenti

Sara Duranti

Leave a reply