speaker del Mashable SMDAYIT 2018

La parola a Nicola Cattarossi di Groupon, speaker al SMDAYIT 2018

Per la rubrica #waitingforsmdayit oggi ho il piacere di farti conoscere un altro relatore del Mashable Social Media Day 2018. Lo speaker che conoscerai in questa intervista è Nicola Cattarossi, Managing Director Southern Europe - ‎Groupon.

Ho incontrato Nicola per la prima volta a Torino, al New Building Bertola di Reale Mutua per l'evento #GalateoLinkedIn. Anche in quell'occasione in un'interessante chiacchierata mi spiegò il legame di Groupon con il web ed i social network (qui puoi vedere il video).

Ad Ottobre lo vedremo sul palco dello IULM di Milano. Ci racconterà la sua storia e quella di Groupon, e del rapporto della piattaforma con i clienti.

Conosciamo gli speaker del Mashable Social Media Day 2018

I clienti sono sempre più al centro del processo di acquisto e ricercano prodotti e servizi a cui sono realmente interessati. Nell'era della customer experience, social media, mobile e multicanalità sono fattori irrinunciabili per definire strategie integrate.

Groupon e Nicola ne sanno qualcosa.

Buona intervista!


Scopri come partecipare al Customer eXperience Now. Potrebbe interessarti questo articolo


Customer experience, Digital Transformation e Intelligenza artificiale: l'evoluzione di Groupon

Q. Groupon ha rappresentato una svolta nell’e-commerce. In pochi anni il suo modello innovativo ha raggiunto importanti traguardi e oggi deve tener conto di nuove sfide: quali sono i prossimi obiettivi per rendere questa esperienza ancora più inclusiva per aziende e consumatori?

A. I nostri clienti sono sempre più curiosi, amano sperimentare, cercano sempre il meglio e desiderano da noi un’offerta ampia, variegata e facile da gestire.

Se all'inizio erano abituati ad acquistare cene o trattamenti beauty, ora cercano anche ticket per concerti, teatri, eventi sportivi e musicali, ma anche offerte di brand nazionali. Insomma sono sempre più esigenti e ci "costringono" a restare aggiornati su tutto!

Si tratta di un vero e proprio cambio approccio dei consumatori: non siamo più noi ad invitarli sul sito, ma sono loro stessi a cercare ciò di cui hanno bisogno e lo fanno non solo sul web, ma soprattutto sullo smartphone.

Dobbiamo però anche essere bravi a cogliere i trend, cosa si mangia più volentieri a Roma o a Milano, che sport va per la maggiore, con quale hobby si divertono di più nel tempo libero. Competenza nel cogliere i trend e metterli "in mano" agli utenti.

Q. Quanto incide nell'esperienza Groupon il tasso di crescita mobile per l’e-commerce?

A. Raggiungere clienti attraverso il web è sempre stata la nostra missione. All'inizio le campagne di digital marketing rappresentavano essenzialmente la possibilità di raggiungere i potenziali consumatori via email, a cui proponevamo delle offerte. In questi anni il modo con cui facciamo le campagne è molto cambiato.

Attualmente siamo in grado di segmentare i consumatori a cui ci rivolgiamo e di usare una serie di strumenti nuovi e innovativi. Il nostro catalogo di offerte sul sito è sempre aggiornato e vario; a questo si aggiunge la comunicazione attraverso l'App e le campagne sui social media che rinforzano il messaggio.

Particolare focus è dedicato al mobile. Attualmente la nostra App è stata scaricata nel mondo più di 170 milioni di volte, ha un’interfaccia user friendly con possibilità di attivare la geolocalizzazione; mostra offerte personalizzate, permette la recensione delle offerte e mostra notifiche push a alert a seconda delle promozioni attive in quel momento, in una categoria specifica o città.

Un punto di svolta importante per i nostri partner commerciali è rappresentato proprio dalla geolocalizzazione: tutti oggi hanno uno smartphone, e nella maggior parte dei casi la geolocalizzazione è già attiva.

Attraverso gli strumenti che offre l’App, possiamo avere un canale di comunicazione con i nostri consumatori che sfrutta proprio il fatto che sappiamo chi sono e dove sono. La geolocalizzazione è il fattore che fa scattare l’offerta: il nostro algoritmo è capace di trovare non solo la persona giusta e mostrarle il servizio che più potrebbe essere di suo interesse, ma individuare anche il momento giusto in cui comunicarglielo.

Se usato con parsimonia, questo servizio non è percepito dal consumatore come un disturbo, ma un servizio offerto. Vogliamo essere sempre più utili e rilevanti per i consumatori e quindi sempre più interessanti per gli esercenti.

Q. Marketing, consulenza strategica, finance: nella tua carriera hai percorso vari ambiti, quali di queste sfide ha rappresentato per te la maggiore soddisfazione?

A. Sicuramente Groupon. E non lo dico perché è l’azienda dove lavoro attualmente, ma perché lavorare nel settore e-commerce mi permette di essere sempre aggiornato su nuovi strumenti di business, trend e competenze.
Mi sento costantemente aggiornato anche dal punto di vista personale oltre che lavorativo, e mi rendo conto, grazie a Groupon, di quelli che sono i nuovi trend di mercato e le mode del momento. Questo mi fa capire meglio anche il mondo in cui i miei stessi figli si confrontano quotidianamente, e mi consente di buttare un occhio a nuove prospettive e sfide future.

Q. Al Mashable Social Media Day Italy la tua esperienza internazionale ci consentirà di comprendere quali sono gli strumenti digitali per massimizzare l’investimento e raggiungere quindi il target corretto. Quanto è importante per te condividere queste best practices all’interno di questo evento? 

A. Mashable Social Media Day è per me fonte di ispirazione. Un evento che permette lo scambio di conoscenze e la condivisione di esperienze ed opinioni di personalità che provengono da settori diversi, ma tutti con l’innovazione nel Dna.

Per me è importante, se non fondamentale, essere parte di conversazioni digitali in cui innovazione e cambiamento sono le parole chiave. Al #SMDAYIT parlerò di Groupon e della sua evoluzione nel tempo.

Mi piacerebbe essere un punto di riferimento per chi sta organizzando il proprio business, facendo passare il messaggio che in ogni progetto o attività bisogna essere pronti anche a rivedere il proprio modello di business, e magari rimettersi in gioco per stare costantemente aggiornato sui tempi come abbiamo fatto noi.

Il cambiamento è quasi sempre necessario per crescere e avere successo. A volte la velocità con cui cambia il mondo può spaventare, ma se sappiamo ascoltare e accogliere le novità facendole nostre, diventiamo mezzo attraverso cui realizzare grandi progetti e anticipare i bisogni futuri dei nostri clienti.

Grazie mille Nicola, ci vediamo a Milano!


Vuoi conoscere un altro speaker del Mashable SMDAYIT 2018? Leggi l'intervista ad Alessandro Isidoro Re di Triwù


 

Commenti

commenti

Sara Duranti

Leave a reply