startup AI in Italia

Le 10 Migliori Startup basate sull'intelligenza artificiale in Italia

Partiamo da un’affermazione chiara: l’Intelligenza Artificiale (AI) può rivoluzionare tutti i settori, compresa la Pubblica Amministrazione (qui ad esempio puoi scoprire impatti e benefici dell’AI nelle organizzazioni).

In Italia è stata costituita una task force per identificare le opportunità che, grazie a questa tecnologia migliorano i servizi offerti ai cittadini e semplificano le loro vite. Nel portale dedicato, si può trovare l’elenco di tutte le startup, università, centri ricerca e organizzazioni che utilizzano sistemi di Intelligenza Artificiale.

In questo articolo vogliamo farti conoscere quali sono le 10 migliori Startup che utilizzano l'intelligenza artificiale in Italia.

Ecosistema AI in Italia: alcuni dati

Un anno fa, con solo 22 startup all’attivo, l’Italia occupava la 19esima posizione nella classifica dei Top 20 Paesi al mondo per numero di startup nel settore dell’Intelligenza Artificiale.

Gli Stati Uniti erano al dominio della classifica con 1.393 startup all’attivo. A seguire la Cina in seconda posizione con 383 startup, Israele con 362, UK e Canada chiudono la Top 5 rispettivamente con 245 e 131 startup.

Concentrandosi sul business, l'economia italiana è considerevole (12° al mondo per PIL), ma non è cresciuta molto nell'ultimo anno. Il PIL pro capite del paese (50° nella classifica mondiale) rimane intorno alla media rispetto all'Europa.

Ciò non ha impedito a noi italiani di partecipare alla corsa mondiale all’intelligenza artificiale.

Sono loro le 10 migliori startup che utilizzano l'AI in Italia: conosciamole

  1. Musixmatch

    Fondata nel 2010, la startup di Bologna Musixmatch ha raccolto $16,8 milioni di finanziamenti per sviluppare la più grande piattaforma di testi al mondo. 50 milioni di utenti possono cercare, leggere e condividere testi per oltre 14 milioni di tracce musicali concesse in licenza dai più grandi studi di registrazione come la Sony.

    Musixmatch offre anche un set di testi e un vocabolario musicale su larga scala per aziende e ricercatori che cercano di sviluppare algoritmi di machine learning su tutti i dati, al fine di creare raccomandazioni, analizzare testi e ottenere insights.

    Il servizio AI dell'azienda fornisce algoritmi di Natural Language Processing (NLP) che analizzano i testi per rivelare la struttura, il significato e il contenuto emotivo delle canzoni. Possono anche trovare le somiglianze tra concetti e sentimenti espressi in canzoni diverse.

    Musixmatch ha sedi a Londra e San Francisco oltre alla sede centrale a Bologna.

  2. Cynny

    Fondata nel 2013, la startup di Firenze Cynny ha raccolto $ 14 milioni per sviluppare una piattaforma video adattabile che riconosce il genere, l'età e le emozioni degli utenti. La piattaforma chiamata MorphCast analizza le espressioni facciali degli utenti e adatta i video e i display al loro stato in tempo reale, rivolgendosi alle società di marketing online.

    Lo strumento è completamente web-based senza la necessità di installare nulla. Può anche essere incorporato in altri siti Web o app. La precisione del riconoscimento facciale è superiore al 95% per sesso ed emozioni.
    Cynny è pronta a sottolineare che la privacy e la protezione dei dati sono incorporate in esso.

  3. Cogisen

    Fondata nel 2009, la startup di Napoli Cogisen ha sviluppato una piattaforma di “Cognitive AI” che può essere implementata in diverse applicazioni.

    Sebbene la piattaforma di Cogisen possa essere applicata a una serie di problemi, l'azienda ha perfezionato le sue capacità analitiche per le informazioni temporali (ovvero le informazioni che cambiano con il passare del tempo) e ha creato un prodotto di compressione per video e contenuti visivi utilizzando questa tecnologia.

    Secondo il team, la tecnologia AI "standard" analizza ogni fotogramma completo in un video per scoprire uno schema. Gli algoritmi di Cogisen sono in grado di guardare solo le parti rilevanti di ciascun fotogramma e ricreare il resto. Questo metodo supporta processi più veloci e meno addestramento per l'intelligenza artificiale e comporta un 40% in più di compressione dei file senza perdita di qualità, anche in caso di applicazioni ad alta definizione e streaming video.

    I casi d'uso più ampi comprendono il rilevamento di azioni specifiche in video, processi decisionali autonomi dei veicoli e sicurezza informatica.

  4. Travel Appeal

    Fondata nel 2014, la startup di Firenze Travel Appeal ha raccolto $8 milioni in finanziamenti per lo sviluppo di big data analytics per il settore dei viaggi.

    L'azienda raccoglie dati da 500 fonti diverse per costruire il "lago dei dati" più grande del mondo. Successivamente rilascia i suoi algoritmi su questi dati grezzi per ottenere informazioni significative fornite sotto forma di infografiche. Ad esempio, potrebbe generare questo messaggio per un proprietario di un alloggio:
    “Il festival cinematografico di Berlino di quest'anno attirerà il 20% in più di viaggiatori rispetto all'anno scorso. L'aumento del prezzo suggerito sarebbe del 15% per il periodo per guadagnare fino a $ 1.000 di entrate in più.”

    Travel Appeal afferma che il suo servizio può aumentare i ricavi del 25%, i tassi di occupazione del 12% e le prenotazioni dirette del 7%.

    La società ha più di 2.500 clienti al momento provenienti dal settore dei viaggi e da una manciata di altri settori come il settore immobiliare, bancario e al dettaglio. Offre anche un servizio gratuito di chatbot il quale ha aiutato le agenzie di viaggio a vendere più pacchetti.

  5. Thron

    Nel 2001 è nata THRON, un'applicazione di marketing che classifica i contenuti digitali, Digital Asset Management (DAM), li distribuisce attraverso i canali aziendali e sceglie autonomamente quali contenuti mostrare agli utenti.

    La piattaforma gestisce le collaborazioni e i flussi di lavoro da approvare. Misura le prestazioni degli asset e abbina i contenuti giusti per i segmenti di clienti giusti.
    THRON è integrato con i maggiori fornitori di soluzioni di e-commerce, CRM, intranet e pubblicazione di siti Web per una maggiore automazione.

    Lo strumento è utilizzato dai principali marchi globali e ha ridotto i costi di gestione dei contenuti del 75% per il marchio globale di alta moda Valentino.

  6. ELSE Corp

    Exclusive Luxury Shopping Experience proprietaria di una piattaforma tecnologica di moda che include la vendita al dettaglio virtuale, la produzione cloud e la personalizzazione del design del prodotto basato su AI.
    ELSE offre una personalizzazione del prodotto di massa, soluzioni di e-commerce virtuali tridimensionali.

    Includono montaggi virtuali e generazione di ordini per la produzione di abbigliamento e calzature. La piattaforma può essere integrata nell'ambiente di qualsiasi marchio o rivenditore e copre tutti i processi, dalla progettazione di un capo di abbigliamento in 3D alla produzione su richiesta e al merchandising visivo.

    L'offerta AI di ELSE include servizi di raccomandazione per lo stile e le dimensioni personali che costituiscono la base del suo modello di business diretto al consumatore. La mission della società è quella di trasformare il settore della moda mettendo al centro il consumatore.

  7. MDOTM

    Fondata nel 2015, la startup milanese MDOTM ha raccolto $2,3 milioni per sviluppare strategie di investimento grazie all'AI per i mercati finanziari. Gli algoritmi della società analizzano diversi strumenti finanziari (come azioni, obbligazioni, ecc.) ed estraggono informazioni da rumors dei mercati, in seguito costruiscono strategie d'investimento attuabili su di esse, sfruttando le inefficienze del mercato.

    I clienti di MDOTM sono investitori istituzionali tra cui banche, family office e società di gestione patrimoniale con Asset Under Management (AUM) medio di $9 miliardi. Il team ha iniziato il suo percorso durante l'università sviluppando un algoritmo per gestire i propri risparmi, e sono stati riconosciuti e supportati dall'incubatore di Google for Entrepreneurs.

  8. Roialty

    Fondata nel 2014, la startup milanese Roialty ha sviluppato una piattaforma di profilazione del cliente e servizi al digital marketing. La startup sfrutta i dati dei social media in tempo reale per profilare gli individui in base alle loro interazioni e fornisce insights personalizzati e fruibili su di essi.

    Nello specifico, Roialty offre una suite completa di prodotti per il marketing digitale. Una piattaforma di fidelizzazione studia gli individui, li guida ai negozi e coinvolge i clienti attraverso la gamification. Uno strumento di segmentazione della clientela arricchisce i dati dei clienti e aiuta a prevedere le intenzioni di acquisto, mentre uno strumento di analisi del pubblico ottimizza i contenuti di marketing e l’engagement con i giusti influencer.

    Un modulo di social listening fornisce un benchmark sui competitor, controlla la reputazione e fornisce informazioni approfondite sui consumatori. Tutto ciò è disponibile tramite Application Programming Interfaces (API) e possono essere integrate con CRM e sistemi di marketing.
    I servizi di consulenza gratuiti di Roialty aiutano nell'implementazione e nei progetti personalizzati.

  9. Axyon AI

    Questa volta a Modena, una startup di nome Axyon AI ha sviluppato strumenti di machine learning per il settore finanziario. Axyon offre due prodotti.

    Uno è per l'analisi dei prestiti sindacati alle corporate e banche di investimento. Questi tipi di prestiti sono di alto valore, prestiti complessi forniti da un gruppo di istituti di credito e gestiti grandi banche di investimento.
    Lo strumento Synfinance di Axyon analizza l'intero mercato del prestito sindacato attuale e storico. Fornisce quindi tendenze, volumi e classifiche dei prezzi, prevede la partecipazione degli investitori e genera contatti per il rifinanziamento, risparmiando un'enorme quantità di analisi manuali.

    Il secondo prodotto, Axyon IRIS, è destinato ai gestori patrimoniali. Analizza i dati di mercato, i dati finanziari, i fondamentali e il sentiment per prevedere il rendimento e la volatilità degli asset, le correlazioni degli asset e i rapporti finanziari su diversi orizzonti temporali.
    Queste previsioni sono essenziali per le decisioni di investimento a breve e lungo termine dei fondi e sono direttamente correlate alla loro performance. Il team collabora con l'Università di Modena e Reggio Emilia, Nvidia e IBM.

  10. Kellify

    Fondata nel 2017, la startup di Genova Kellify ha raccolto $1,7 milioni per creare algoritmi AI che stabiliscono correlazioni tra eventi quotidiani e prezzi delle attività nell'economia reale.

    Kellify mira a introdurre prezzi più trasparenti e basati sulle informazioni in mercati tradizionalmente inefficienti e difficili da valutare come arte, collezionismo, vino ed eventi sportivi.

    Le reti neurali dell'azienda e gli algoritmi di apprendimento automatico rimuovono i pregiudizi cognitivi (in gergo “bias cognitivi”) da questi mercati basati sulla disuguaglianza delle informazioni e forniscono agli utenti l'intelligenza collettiva di tutti i partecipanti al mercato.


Leggi anche Rippotai® presenta: Soundpotai, good vibes d’arredo!


Conclusione: 3 strategie per lo sviluppo di un ecosistema AI

Secondo Andrea Marinoni, senior partner di Roland Berger:

“È evidente che nessun Paese in Europa abbia la necessaria massa critica in materia di Intelligenza Artificiale al contrario di Stati Uniti, Cina e Israele.”

Nonostante ciò, in Italia continuano a nascere nuove startup nel settore AI e lo stesso Andrea Marinoni propone 3 strategie per creare le condizioni favorevoli per lo sviluppo di un ecosistema basato sull'intelligenza artificiale.

  1. Creare uno status europeo per le startup;
  2. Potenziare gli investimenti;
  3. Attrarre risorse.

Per comprendere come introdurre l'AI o scoprire le opportunità di business legate alla tecnologia emergente Seedble, business accelerator focalizzato sulla consulenza all’innovazione, ha progettato soluzioni per esplorare i vari aspetti dell’intelligenza artificiale.

Visita la pagina web (ETP) e richiedi una inspiration session per la tua organizzazione. Scoprirai tutti i lati dell'AI e vedrai da vicino i benefici della tecnologia e i vari ambiti di applicazione.

p.s. speriamo che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia dato una visione e un breve sguardo sugli impatti dell’AI nelle organizzazioni. Se ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici o le persone che pensi ne possano avere bisogno!

Commenti

commenti

Spremute Digitali

3 comments

Leave a reply