La parola alle startup: L'intervista a Sardex.Net

In occasione della prima edizione dell'Innovation Village a Napoli ho avuto il piacere di incontrare e intervistare Carlo Mancosu, cofondatore e responsabile marketing della startup Sardex Net.

Andiamo a scoprire insieme qual è l'idea di startup e come funziona Sardex Net:

 

Q: Ciao Claudio, perché l’idea di Sardex Net e qual è il suo scopo?

A: Sardex.net è il primo Circuito di credito commerciale della Sardegna, adottato anche in altre otto regioni italiane - Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise e Campania n.d.r.-  ha lo scopo di connettere le imprese del territorio, fornire servizi di promozione ad alto valore aggiunto e garantire alle PMI strumenti di pagamento e di credito paralleli e complementari a quelli tradizionali.

L'idea che ha portato alla creazione e alla crescita di Sardex.net è di ripensare l’economia locale: interconnessa, collaborativa sostenuta dalla forza del gruppo e dalla fiducia reciproca.

Le aziende, all’interno del circuito, si finanziano a tasso zero. Sono preferite le produzioni locali. Così facendo la ricchezza rimane all’interno del circuito. Questo sistema genera un circolo virtuoso, un incentivo verso modelli di sviluppo sostenibili.

La funzione più importante del Circuito è pertanto quella di aiutare le nostre aziende a recuperare, mantenere e/o acquisire preziose quote di mercato. Sardex.net infatti, non va a sostituirsi al loro attuale mercato ma va piuttosto a sommarsi ad esso, offrendo loro l’opportunità di contribuire alla ripresa economica, ottimizzando la loro capacità produttiva e la loro appetibilità sul mercato.

 

Q: La crescente importanza del digitale e dei Social Media nel business e nelle vite di ciascuno di noi come ha influito sul vostro lavoro?  

A: I Social Media sono naturalmente una parte fondamentale del nostro piano di comunicazione dandoci l’opportunità di potenziare le relazioni con i nostri stakeholder e di comunicare meglio e con più efficacia con i nostri iscritti. Tuttavia il loro utilizzo è concepito per essere integrato alle azioni di marketing territoriale e a tutto le attività offline che svolgiamo al fine di creare impatto sul territorio e sulle comunità coinvolte nella nostra iniziativa.

 

Q3: Come funziona Sardex Net?

A: Il funzionamento è semplice: le PMI si iscrivono al Circuito versando una quota di iscrizione una tantum e una quota annuale commisurata alle proprie potenzialità in cambio possono usufruire di tutta una serie di strumenti e servizi comuni (conto on line, carta Sardex, eventi di networking, servizio broker, promotion...etc.)

A ognuna di loro viene aperto un conto presso la camera di compensazione del Circuito. Il conto è denominato in una valuta interna: il Sardex (1 Sardex equivale ad 1 Euro), spendibile esclusivamente all’interno della rete. Ogni conto ha saldo iniziale pari a zero. Ad ogni azienda è accordata la possibilità di “andare in rosso”, entro determinati limiti, e attraverso questo scoperto può effettuare acquisti presso altri iscritti alla rete. A ogni acquisto il conto dell’acquirente viene addebitato per un ammontare pari al prezzo di vendita del bene/servizio acquistato. Viceversa il conto del fornitore sarà accreditato per un pari importo. Le aziende che evidenziano un saldo negativo potranno portare a pareggio il proprio conto semplicemente effettuando vendite presso altre aziende aderenti al Circuito. Allo stesso modo le aziende con saldo attivo potranno monetizzare i Crediti Sardex accumulati facendo acquisti presso le altre imprese iscritte.

 

Q: Quali sono le competenze del vostro team?

A: Le nostre competenze sono piuttosto variegate e spaziano dall’economia alla finanza, dalla gestione dei processi al community building, dall’ICT al marketing e alla comunicazione. Ma ciò che ci accomuna tutti è una forte impronta umanistica che ci permette di leggere i processi economici con uno sguardo più ampio e profondo.

 

Q: Quale sarà il futuro del vostro settore?

A: Questo è difficile dirlo con certezza. Noi operiamo in un settore di frontiera e pertanto non è facile immaginare quanto e in che modo il mercato possa crescere ulteriormente. C’è molto fermento e molte tecnologie emergenti molto promettenti. Quello che mi sento di dire con certezza dal nostro punto di vista è che le metriche di Sardex e degli altri Circuiti partiti nella penisola sono davvero molto interessanti e fanno ben presagire per il futuro dei Circuiti di Credito Commerciale.

 

Q: Ulteriori sviluppi, innovazioni, pianificate e/o in corso?

A: Al momento abbiamo in apertura il Circuito in Veneto e abbiamo in fase di avviamento il Circuito Umbro e il Circuito Campano Felix.net. Presto lanceremo la nuova piattaforma che presenterà parecchie innovazioni tra una cui UX interface completamente nuova e l’introduzione dei pagamenti con NFC e avvieremo nel corso dell’anno la sperimentazione del programma B2C che permetterà anche ai cittadini di partecipare al Circuito, di sostenere l’economia locale e attraverso le proprie scelte di consumo di accumulare crediti Sardex spendibili nella rete.

 

Q:Un consiglio dalla tua esperienza di startupper?

A: Il consiglio che mi sento di dare a tutti gli startupper è quello di lavorare sodo, creare un team coeso, focalizzarsi sul prodotto, non smettere mai di studiare e di credere nelle proprie idee. Non ci si deve far scoraggiare da chi ci dice che non ce la faremo mai. Se nessuno vi ha mai detto che quello che state facendo è folle significa che probabilmente  finora non avete pensato abbastanza in grande.

carlomitzas2

Nel corso degli anni il “modello Sardex” ha suscitato l'interesse e l'attenzione di importanti istituzioni, dalla Commissione Europea al Dipartimento di Sviluppo delle Nazioni Unite ma anche di importanti giornali internazionali come il “Financial Times”, e di prestigiose università come la Yale University, il Politecnico di Zurigo e la London School of Economics.

Attualmente il Circuito conta oltre 3.000 imprese di ogni dimensione e settore che generano un volume di transazioni pari a oltre 6.000.000 di Euro mensili, il tutto senza l’utilizzo di moneta corrente.

SEOcms 4/5 Maggio Bologna 2017

Commenti

commenti

Lucio Manocchio

1 comment

Leave a reply