Sei idee per implementare lo smart working

Sei idee per lo Smart Working possono cambiare il destino di molte organizzazioni italiane? Certo! Questo è stato l’obiettivo del progetto pilota del percorso C to Work - idee per uno smart working al femminile realizzato da Piano C,  in collaborazione con Cisco Italia e presentato lo scorso 4 febbraio all’Urban Center di Milano.

Giuditta Deodato, Cristina Coppellotti e Mara Pieracci sono le tre ragazze selezionate dalla call partita lo scorso maggio 2014 che, per tre mesi, si sono divise tra sviluppo del progetto operativo, analisi della casistiche aziendali (tra cui anche Seedble), corsi di formazione, momenti di apprendimento individuale e attività di networking. Un progetto sfidante che ha permesso di approfondire il tema smart working e fornire spunti di riflessioni creativi e originali sull'argomento. Sei idee di smart working. Sei differenti ambiti operativi: gamification, scuola ed educazione, formazione e-learning, outfit e design degli spazi, coworking, incentivi fiscali. Mi soffermo sui primi due ambiti operativi ritenendoli fondamentali per la creazione di una cultura smart working. Difatti, nella progettazione di un processo smart working è indispensabile intervenire prima sui comportamenti delle persone (behaviour) e successivamente sulle tecnologie (bytes) e gli spazi fisici (bricks). A voi le idee.

Gamification e Smart Working.
il gruppo di lavoro ha proposto l’organizzazione di un Hackaton (contest in cui si incontrano varie professionalità) per realizzare tre giochi in grado di influenzare positivamente i comportamenti riguardanti lo smart working all’interno di una popolazione aziendale. I giochi, sviluppati mediante un app per smartphone e tablet, mirano a diffondere la conoscenza sullo smart working, rendere le riunioni più efficaci e snelle, rendere più facile ed immediata la definizione degli obiettivi. Un’iniziativa finalizzata a motivare, coinvolgere e appassionare le persone al tema smart working attraverso un approccio diverso, più interattivo e stimolante. L’apprendimento attraverso l’utilizzo di elementi ludici genera numerosi vantaggi: maggior coinvolgimento e partecipazione, interattività e proattività, connessione non lineare, problem solving, socializzazione e collaborazione, maggior motivazione, ottimizzazione degli obiettivi. Perché non provarci?

Scuola e Smart Working.
Si propone l’introduzione di modelli di apprendimento volti alla diffusione della cultura smart working già in tenera età a supporto delle attività pedagogiche effettuate normalmente nelle scuole di ogni ordine e grado. I modelli di apprendimento prevedono lo sviluppo di una cultura collaborativa, della responsabilità. degli stili di leadership caratteristici di un approccio smart working. All’interno dell’idea si inserisce la creazione di una piattaforma web, denominata Virtual Leonardo, in grado di permettere l’incontro tra domanda (aziende, organizzazioni, amministrazioni) e offerta (studenti di varie scuole) di competenze per la risoluzione di criticità e problemi aziendali. Si cerca dunque di far prendere confidenza con il concetto smart working sin da bambini. A tal proposito è riportato l’esempio degli Istituti Vittra, scuole private svedesi che stanno rivoluzionando il sistema didattico tradizionale in cui gli studenti, tra i 6 e i 16 anni, sono lasciati liberi di interagire con spazi predisposti per lo studio. Aree mai predefinite che consentono ai ragazzi di sperimentare le loro naturali inclinazioni, cercare di affiancare allo studio l’esperienza reale, incentivare l’utilizzo del metodo di studio proprio di ogni studente tentando di stimolarne la curiosità, favorendo sin da subito la comunicazione e l’integrazione. Sembra impossibile, ma invece è così.

Per una lettura più dettagliata e conoscere le idee di Giuditta, Cristina e Mara vi rimando al paper realizzato dalle ragazze e scaricabile al seguente link. Buona lettura e se siete curiosi di scoprire altro sul concetto di Smart Working, collegatevi alla community Linkedin Smart Working e Lavoro Agile, raccontando la vostra esperienza e le vostre idee. Ti aspetto!

Info:

Piano C 

Seedble

Commenti

commenti

Andrea Solimene

Leave a reply