site kit

Site Kit di Google: il plug-in open source 4 in uno che racchiude i tuoi dati

Sono rimasta molto colpita da quanto letto nella comunicazione ufficiale di Google sul lancio di Site Kit, il nuovo plug-in open source gratuito per WordPress. Anche perché un titolare di azienda, il gestore di un sito, un editore... hanno tutti la necessità di raccogliere informazioni utili a far crescere, ottimizzare e monetizzare il proprio lavoro.

E la notizia fresca fresca del plug - in che ti permetterà di avere tutto in un unico posto, è a dir poco allettante. Quale migliore comodità?

Non è la prima volta che Google crea plug-in per WordPress, infatti avevamo già la possibilità di installare quello di AdSense (che è stato per ora sospeso, forse proprio per l'introduzione prossima di Site Kit) e non è la prima volta che tenta di inserirsi all'interno del meccanismo di internet a tutti i livelli (basti pensare ad Android ed al motore di ricerca Chrome).

Cos'è Site Kit di Google

Ad oggi sappiamo che Site Kit è un plug-in open source gratuito per WordPress. Includerà al suo interno le informazioni già reperibili ora in 4 piattaforme messe a disposizione da Google, però come entità separate.

È di una settimana fa l'annuncio dell'introduzione di questo strumento che appunto integrerà nella prima versione Analytics, Search Console, AdSense e Page Speed Insight e renderà disponibili informazioni e dati utili ai proprietari di siti web in un unico luogo.

Quindi pubblico, rendimenti, intenzioni di ricerca saranno racchiuse nel plug-in e fruibili dal pannello di amministrazione di WordPress.

Google Site Kit: cosa potrai fare una volta che avrai installato il plug-in

Google Site Kit avrà il compito di trasferire dati importanti per la gestione di un sito all'interno di WordPress. Una volta installato il plug-in potrai accedere alle informazioni unificate direttamente da WordPress dei seguenti strumenti:

  • Search Consolela piattaforma che ti aiuta a comprendere il come gli utenti scoprono i tuoi contenuti nelle Google Search (con l'ultimo aggiornamento puoi osservare il comportamento nello specifico grazie a dei filtri che puoi impostare manualmente secondo le tue necessità);
  • Google Analyticsascolta e impara come gli utenti navigano sul tuo sito;
  • Google AdSensela piattaforma che una volta configurata monitora le tue entrate a seconda degli annunci e delle modalità che avrai impostato sul tuo sito:
  • Page Speed Insightstrumento che identifica le prestazioni del tuo sito.

Una delle funzioni molto utili sarà quella di avere in ogni pagina del sito i dati della Search Console in alto, come accade ad esempio per l'estensione di Chrome Page Analytics che mostra i dati di Google Analytics direttamente sulle pagine del sito.

Quando sarà possibile utilizzare Site Kit di Google?

Il plug-in aprirà ai beta tester all'inizio del 2019, puoi provare a registrarti, e una volta verificata la proprietà del sito attraverso le tue credenziali, i dati dalle singole piattaforme saranno trasferiti all'interno di WordPress e potrai iniziare a contribuire attraverso dei feedback alla messa a punto di questo nuovo strumento che potrà migliorare il rapporto con i dati di molti professionisti e l'esperienza con WordPress.

Ti lascio con un approfondimento molto interessante di Giorgio Tave sull'argomento.

Alla prossima news 😉

Commenti

commenti

Sara Duranti

Leave a reply