meglio il business plan o il business model canvas

Per una startup, meglio il business plan o il business model canvas?

Risposta di Stefano Martino, Entrepreneur | Digital Strategy/Transformation, su Quora

Ci sono tante cose da sapere sul business plan ed il business model e c'è da dire anche che, questi due termini spesso sono confusi l'uno con l'altro, creando grandissimo disordine per chi si approccia al mondo startup.

Intanto una cosa è certa: tra l'uno e l'altro c'è una bella differenza.

A cosa serve il business plan?

Il business plan è un documento che illustra nero su bianco tutti gli aspetti del processo di creazione di un'attività imprenditoriale per verificarne la fattibilità dal punto di vista tecnico ed economico.

La creazione di un business plan ha sicuramente senso per una società stabile, che fa una previsione di crescita a fronte di numeri veritieri, o quanto meno consolidati.

Non ha molto senso per una startup early stage che deve crescere velocemente.

Una startup con un prodotto online è soggetta a diverse variabili che ne influenzano il successo, e un business plan molto spesso non è la risposta migliore per un contesto tanto dinamico, come quello in cui opera una startup.

Tuttavia sono ancora molti i founders (per lo più quelli alle prime armi) che sicuri della loro idea, si lanciano con massima priorità nella stesura di un business plan per poi andare a cercare fondi in giro.

Quello che solitamente ne deriva, è un doc/xls con una serie di assunzioni basate su benchmark, statistiche e numeri ipotetici, che portano a break even dopo tre anni.
E basta che una, o un paio di queste assunzioni non si verifichino, che crolla tutto il modello di business.

Teoricamente è tutto possibile, ma l’esercizio sbagliato che fanno in tanti, è trovare il modo di far quadrare i numeri affinché mostrino un trend positivo, piuttosto che trovare falle nel proprio modello di business.

La soluzione per una startup online? Il business model canvas

Una startup che ancora non ha un prodotto consolidato, e non ha numeri per considerare in modo obiettivo:

  • Growth, la capacità cioè di aumentare gli utenti;
  • Retention, la percentuale di utenti che restano fedeli al prodotto;
  • Revenue, il guadagno derivante da ciò che viene offerto.

Come potrebbe definire, la sua previsione di crescita con un business plan?

La soluzione più calzante ad una startup è un business model canvas: un template lean, estremamente semplice, che obbliga a ragionare su tutte le componenti attive e necessarie per far funzionare il tuo modello di business.


Qui puoi trovare un video che spiega molto bene cos'è il business model canvas


Un template visuale che tutti possono riempire in poco tempo, e non necessità di conoscenze di economia.

Una slide di Seedble che spiega il business model canvas nel suo funzionamento (per la spiegazione completa slide 16-27 https://www.slideshare.net/GiovanniTufani/finanziamenti-per-lo-startup-dimpresa)

 

Inoltre, non essendo un insieme di formule matematiche, ma punti, azioni e concetti, permette sin da subito di far crescere quell'idea di business.

Un canvas lean non è un documento statico come un business plan, cambia come cambiano le condizioni a corredo del tuo business; e questo lo rende estremamente efficace per una startup.

In sintesi, una startup dovrebbe iniziare prima con un canvas lean e validare il suo prodotto, e dopo (solo dopo) aver iniziato a scalare veramente, creare un business plan per una previsione su numeri veri, tralasciando tutte le metriche da considerare per vedere quando effettivamente la tua società sta crescendo.


Questa domanda è apparsa originariamente su Quora: I business plan sono ancora rilevanti per una start-up online?


 

Commenti

commenti

Quora

Leave a reply