web marketing

Come il web marketing ti aiuta a crescere online

Il web marketing è fondamentale per crescere online, come ci spiegano i web master di mondoinweb.it: è a loro che abbiamo chiesto qualche approfondimento in più e qualche consiglio a proposito di questo argomento.

Il social media marketing: raggiungere clienti potenziali in poco tempo

Nel corso degli ultimi anni, il web marketing ha inglobato in misura sempre più consistente il social media marketing, una realtà che viene sfruttata in egual misura sia dalle aziende di dimensioni più grandi che dalle imprese più piccole.

Un professionista capace di utilizzare le infinite potenzialità che offrono i social network, è in grado di aumentare il numero di visite dirette al sito aziendale ed incrementare la consapevolezza e la conoscenza del brand.

Da Instagram a Linkedin, da Facebook a Twitter e Telegram, citando solo le più conosciute, sono tra le molteplici piattaforme di cui ci si può servire allo scopo di raggiungere nuovi clienti potenziali nel giro di breve tempo.

Come sfruttare i social media

Nei social è possibile fare ricorso sia agli annunci sponsorizzati che ai post tradizionali. I primi hanno un funzionamento simile a quello della SEM su Google, e le inserzioni possono essere targetizzate in base al pubblico di riferimento che si è intenzionati a raggiungere.

Proprio per questo motivo di solito esse vengono presentate unicamente a chi ha già palesato un certo interesse nei confronti di un'azienda o di un prodotto simili a quello che si sta promuovendo.

Un esempio semplice: se un utente pone un like a un post di un marchio automobilistico, è molto probabile che in seguito gli vengano suggerite inserzioni di altri brand del settore automotive.


Leggi anche Su Instagram e Facebook si può trascorrere il tempo, su LinkedIn si deve INVESTIRE


Perché usare i social network per il web marketing

Il motivo più importante per cui vale la pena ricorrere ai social network per una strategia di web marketing e accrescere la reputazione online del proprio brand è rappresentato dalla platea estremamente vasta ed eterogenea che è possibile raggiungere con questi strumenti.

Solo Facebook, per esempio, raccoglie oltre un miliardo di utenti, con circa 1 miliardo e 400 milioni di profili che sono attivi tutti i giorni.

Naturalmente non è detto che si debba far riferimento unicamente al social di Zuckerberg: la scelta del canale più adatto deve essere valutata in funzione del tipo di messaggio che si intende promuovere.

Un PR consultant, per esempio, potrà trovare utile Linkedin, mentre un'agenzia di viaggi non potrà fare a meno di pubblicare foto spettacolari su Instagram.

L'email marketing

Anche l'email marketing può essere scelto per fare parte di una campagna di web marketing destinata ad assicurare la crescita di un marchio.

Grazie a questa opzione, si ha l'opportunità di richiamare chi ha già avuto a che fare con l'azienda e ha messo a disposizione i propri dati, oltre - ovviamente - al proprio indirizzo di posta elettronica.

C'è una significativa differenza tra i visitatori e i potenziali clienti di un sito: dei primi si possiedono dati che possono rendere più semplici le conversioni.

Come sfruttare le mail

Il canale di posta elettronica deve essere utilizzato per l'invio di contenuti relativi all'azienda che risultino realmente interessanti e informativi: vale la pena di concentrarsi sui prodotti proposti, aggiungendo promozioni e specificando i dettagli delle offerte.

L'obiettivo è quello di indurre il potenziale cliente ad un acquisto, e con l'email marketing si ha la possibilità di approfittare della segmentazione del pubblico: insomma, in base alla targetizzazione e alle varie categorie differenti è possibile - anzi, è consigliabile - proporre contenuti diversi.

Così, si ha la certezza di assecondare un bisogno reale, e in più si migliora la brand awareness, in quanto i messaggi di posta elettronica funzionano come promemoria e fanno ricordare l'attività a chi, per un motivo o per l'altro, se l'è dimenticata o non ha più avuto a che farci.

 

Un articolo a cura di mondoinweb.it

Commenti

commenti

Spremute Digitali

Leave a reply