agricoltura di precisione

Agritech: quando l’innovazione tecnologica scende nei campi

Sono passati esattamente 2 anni da quando in Italia, tramite decreto ministeriale, sono state approvate le “Linee guida per lo sviluppo dell’agricoltura di precisione” (abbreviato AdP).

Ad oggi però solo il 2% delle superfici coltivate nazionali ha adottato queste modalità innovative: ciò è prevalentemente dovuto ad una scarsa consapevolezza, a causa di una carenza di adeguate informazioni.

Ma cosa si intende per agricoltura di precisione e perché è importante?

Secondo la definizione del National Research Council americano (1997) l’Adp è una “strategia che utilizza le tecnologie d’informazione per integrare dati provenienti da più strati informativi ai fini decisionali per la gestione dei sistemi agricoli”.

Tra le tecnologie d’informazione rientrano anche tutte quelle tecnologie digitali, chiamate agritech, utilizzate per l’osservazione, la misurazione, la raccolta e l’interpretazione dei dati ambientali degli agrosistemi; ad esempio droni (sapr), satelliti e sensori prossimali.

L’obiettivo è quello di supportare l’imprenditore agricolo nel prendere decisioni che ottimizzino i rendimenti aziendali in termini di maggiore produttività in chiave rigorosamente sostenibile.

Il focus tematico è proprio nel concetto di sostenibilità ambientale; infatti, secondo una stima della Fao (Food and Agriculture Organization) nel 2050 la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi e il fabbisogno alimentare richiederà un aumento di produttività del 60%.

L’impegno consisterà nel far fronte a queste esigenze con il minimo impatto sulle risorse naturali e sull’ambiente.

La sfida dovrà essere accettata da tutte le realtà agricole al fine di integrare nella propria filiera le nuove tecnologie di supporto pur preservando le tradizionali modalità produttive.

Nelle prossime settimane analizzeremo insieme alcune delle principali soluzioni tecnologiche e le loro applicazioni in alcune realtà modello.


Potrebbe interessarti anche Smart Agrifood e Fattorie 4.0: l’agricoltura diventa digitale


 

Commenti

commenti

Uberto Saltarelli

1 comment

Leave a reply