Mashable Social Media Day

L'avventura al Mashable Social Media Day

Ci è voluto un po’ per riordinare le idee al ritorno dal Mashable Social Media Day. Tanti spunti, incontri, persone… insomma mi ci sono volute due settimane, ma ce l'ho fatta 🙂

Anche perché agli eventi di questo calibro due giorni sembrano sempre il doppio, per le cose che avrei da raccontare non basterebbero neanche 10.000 parole!

Eccomi qui, proviamo ad iniziare… proprio dall'inizio, dalla partenza da Roma, stazione Tiburtina, per raccontare l'avventura di Spremute Digitali al Social Media Day.

L’avventura del Mashable Social Media Day in pillole

Partecipare al Social Media Day è stata una specie di avventura, ad iniziare dal viaggio.

Premetto che sono di un paesino vicino Roma e per me arrivare a Milano il 21 Ottobre voleva dire o prendere il treno, o l’aereo (credo che chi abita da queste parti capisce cosa voglio dire).

Invece curiosa avventuriera come sono, ho voluto provare a viaggiare con l’autobus. È stato un po’ come tornare indietro nel tempo, quando al liceo con la classe si andava in gita con il pullman 🙂

Il servizio che mi ha portato a Milano sana e salva si chiama Flixbus, una società di autobus extra-urbani fondato nel 2011 a Monaco di Baviera, che effettua servizi di trasporto low-cost in tutta Europa.

Devo ammettere che il viaggio è stato molto lungo (10 h e mezza circa), ma piacevole nonostante la tratta in questione facesse fermate intermedie (questo per me è stato un bene devo dire perché adoro i paesaggi).

Sedili comodi, prese per caricare i dispositivi e USB in ogni postazione e free wifi.

Lo consiglio a chi è disposto a viaggiare senza fretta e ha voglia di spendere pochi Euro (Milano Roma andata e ritorno 31€, è un vero affare).

I talk protagonisti dei due giorni

Arrivata allo IED di Milano di via Bezzecca, preceduta dagli inconfondibili palazzi con i bellissimi murales e dal Giardino delle Culture, mi sono messa in fila per la registrazione cercando di scorgere persone familiari in mezzo a tutta quella folla.

Eravamo veramente tanti e riconoscere volti familiari cominciava ad essere complicato.

Dopo aver preso la red bag e la bellissima maglietta targata Mashable, da lontano intravedo il caro amico Bernardo Mannelli e dopo aver scambiato 4 chiacchiere ed aver fatto le congratulazioni ad Eleonora Rocca già solo per l’allestimento della location, mi sono diretta all'interno.

E questo è quello che mi sono trovata davanti. Bella la sala eh!

La sala - Mashable Social Media Day

La sala - Mashable Social Media Day

 

Ed ecco che si inizia, la parte introduttiva che vede Eleonora Rocca e Giuliano Ambrosio sul palco in veste di moderatori, lascia spazio alla presentazione degli sponsor: IED la scuola professionale privata che opera nel campo della formazione e della ricerca specializzata in design, moda, arti visive e comunicazione; Tinaba, app che offre servizi di gestione del denaro per le spese, amministrazione di risparmi, realizzazione progetti, tutto in una modalità rivoluzionaria, social e veloce; OIKOS un’azienda produttrice di vernici realizzate con ecosoluzioni cromomateriche, prive di sostanze nocive.

Dopo gli sponsor, è il momento dei talk:

  • Si è iniziato subito con il botto sul palco del Mashable Social Media Day. Il Social Media Manager di Lego Italia Giuseppe Brugnone, ha spiegato quanto un mattoncino può costruire solide relazioni con i propri consumatori grazie alla creazione di valore.
Talk di Lego Italia

Talk di Lego Italia

 

  • Non è stato da meno Davide Basile di Original Marines, azienda fino a qualche tempo fa  priva di cultura digitale, ma che ha saputo riprendersi alla grande, grazie ad una strategia di web marketing ben strutturata. Diciamo che con un video è riuscito anche un po’ a corromperci 🙂

 

 

  • Complimenti ad Alessia Musi Digital Marketing Scientist di Aquest che con una semplicità pazzesca (e in venti minuti soprattutto) è riuscita a fare una lezione su numeri, statistiche e a far comprendere i numeri che contano.
  • Orazio Spoto organizzatore della comunità di Instagramers Milano e Simone Tornabene Head of Strategy WHY, con i loro talk su Instagram mi hanno fatto innamorare ancora di più di questo social e hanno regalato preziosi consigli e tool per utilizzarlo al meglio.
  • Dario Vignali, un web marketer in gamba. In pochi minuti è riuscito a spiegare semplicemente cosa vuol dire fare Personal Branding e come fare business generando interesse verso la propria persona, creando relazioni. E lui è uno che se ne intende 🙂

Non sei tu a vendere il tuo personal branding, è il tuo personal branding a vendere te stesso - Dario Vignali

Dario Vignali personal branding

Dario Vignali e il talk sul Personal Branding

 

  • Il talk in streaming che tutti aspettavamo, quello di Marco Montemagno. Un divertente scambio di opinioni Milano-Brighton su quanto siano importanti i video per il business, ma anche delle poche persone che ne prendono atto e ne fanno uno strumento della propria strategia.
  • Al Social Media Day anche il Growth Hacker Raffaele Gaito, che attraverso dei case study come quello di AirBnB e Dropbox ha spiegato come il growth hacking sia fondamentale per trovare terreni ancora inesplorati e costruire la propria strategia, sperimentare molto e fallire in fretta per raggiungere gli obiettivi.

 

L'esempio dell'aeroporto di Huston di Raffaele Gaito

L'esempio dell'aeroporto di Houston di Raffaele Gaito

Mashable Social Media Day: evento SOCIALmente reale

I due giorni del Mashable Social Media Day non sono stati solo formazione di qualità, ma anche networking e divertimento.

Tra un coffee-break e una lunch box e l'altra, si sono create delle occasioni d'incontro preziose con persone che fino al giorno prima si conoscevano solo attraverso scambi di tweet. La potenza degli eventi di questo tipo è che dal social si passa inevitabilmente alla relazione reale, trovando collaborazioni ed amicizie.

Non sono mancati poi degli angoli di ricreazione, per quanto mi sono divertita ho voluto chiamarli così 🙂

La mia attenzione appena arrivata è stata catturata da delle strane gaming machine poste subito dopo l’ingresso, un gioco che riprendeva il must Snake trasformato in ottica social, dove si dovevano catturare tutti gli hashtag #smdayit per vincere.

Purtroppo non sono riuscita a fare un buon punteggio, mi hanno battuta in tanti, non sono mai stata fortissima a Snake.

Una delle cose che ho trovato molto divertente e carina, è stato lo spazio dedicato alle foto.

Un pannello in stile Social Media, gadget simpaticissimi a disposizione e tante foto da scattare e stampare; e grazie ad un Bot Messenger era anche possibile scaricarle sul proprio telefono.

Noi di Spremute Digitali non abbiamo potuto resistere 🙂

 

Spremute Digitali

 

Purtroppo è impossibile descrivere tutto quanto di queste due giornate, ma spero comunque di aver reso l'idea per chi l'anno prossimo vorrà partecipare; gli organizzatori sono già alle prese con la 4° edizione 😉

Vuoi saperne di più sul Mashable Social Media Day? Leggi le recensioni di chi c’è stato!

Cosa ci aspetta al Mashable Social Media Day 2017?

Le parole d'ordine dell’edizione 2017 saranno originalità, creatività e risultati.

Eleonora Rocca, co-founder, a poche settimane dalla fine della 3° edizione ha già le idee chiare per la prossima:

Vogliamo case studies che siano disruptive nelle strategie e coinvolgenti nelle modalità di esposizione, che siano in grado di condividere con il pubblico strategie intelligenti, chiare e supportate da numeri che ne dimostrino il successo.

Selezioneremo accuratamente tutte le candidature e faremo in modo di organizzare i contenuti in modo omogeneo e completo, al fine di toccare tutti gli aspetti fondamentali in ambito Digital Marketing, Innovazione e Imprenditoria.

Un ulteriore obiettivo per l’edizione 2017 sarà coinvolgere un buon numero di speakers internazionali, allargando il più possibile lo spettro dei contenuti ad un’ottica internazionale, per abbracciare tutto il mondo dell’innovazione digitale.

Un ruolo attivo nella costruzione del programma lo avranno anche i nostri partecipanti: a tutti invieremo un questionario di valutazione dell’edizione 2016, con l’obiettivo di raccogliere anche idee e proposte del pubblico.

Vogliamo che tutti quelli hanno già preso parte a un’edizione del nostro evento si sentano parte del nostro sogno, che sentano di avere un ruolo attivo nella costruzione dell’evento stesso.

E non è finita qui... stiamo anche valutando l'estensione dell'evento ad una eventuale terza giornata, nella quale ancora una volta il focus sarà sul mondo digital e social media ma con particolare attenzione ai trends internazionali più innovativi e all'imprenditoria.

L’evento cresce e si modifica in modo sostanziale nell’edizione 2017 e così fa anche il team organizzativo.

Tanti nuovi professionisti si sono uniti a me e all'ormai “storico” Andrea Romoli nella creazione di questo meraviglioso progetto: Federico Cerioni, Daniela Conti, Isabella Cultrera, Luisa Oreglia e Michela Pia sono già al lavoro per rendere questa quarta edizione del Mashable Social Media Day Italy la migliore di sempre.

Sono tutti professionisti affermati del mondo del web marketing che contribuiscono con le loro diverse competenze a un’organizzazione che ogni anno si fa sempre più complessa e coinvolgente.

Durante i giorni dell’evento, inoltre, saremo affiancati anche quest’anno dai ragazzi del Social Media Team, che già dall’edizione 2016 hanno avuto un ruolo fondamentale durante il live.

Insomma una quarta edizione che si preannuncia ancor più coinvolgente e ricca di sorprese. E in questi mesi continueremo a sfornare novità e interessanti preview sui nostri canali social quindi stay tuned!

Segui il Mashable Social Media Day Italy sui canali ufficiali Facebook, Instagram, Twitter e ovviamente sul sito 😉

 

Commenti

commenti

Sara Duranti

1 comment

Leave a reply