piano pronto cassa

Piano Pronto Cassa: un aiuto a favore di aziende e liberi professionisti del Lazio

Era stato presentato da un paio di settimane, lo aspettavamo le tante aziende e i Liberi Professionisti del Lazio in difficoltà dopo più di un mese di blocco o forte rallentamento delle attività per il lockdown del Paese.

E finalmente Venerdì 10 aprile è stato reso pubblico il PIANO PRONTO CASSA, la prima misura di un pacchetto più ampio di interventi con cui la Regione Lazio risponde all'emergenza coronavirus mettendo in campo a regime complessivamente circa 450 milioni di euro a favore di aziende, professionisti e partite iva danneggiate e in crisi di liquidità per l’emergenza Covid-19.

Si parte subito perché in questo momento il tempo è variabile cruciale

Cos'è il Piano Pronto Cassa

Aperto con una dotazione complessiva di 51,6 milioni di euro il PIANO PRONTO CASSA costituisce la Sezione V “Emergenza COVID-16” del Fondo Rotativo per il Piccolo Credito, valida misura di sostegno allo sviluppo attiva nel Lazio già da luglio 2017 che potremmo orgogliosamente definire ormai strutturale nella regione poiché in circa 2 anni e mezzo ha erogato finanziamenti a tasso zero per oltre 70 milioni di euro.

E del Fondo Rotativo per il Piccolo Credito gestito da Fare Lazio il PIANO PRONTO CASSA eredita impostazione e caratteristiche adeguandole alla situazione di emergenza e ampliando la platea di beneficiari.

Destinatari di PIANO PRONTO CASSA sono infatti micro, piccole e medie imprese, Liberi Professionisti e Partita Iva con sede del Lazio che

  • costituite alla data dell’8 Marzo 2020
  • abbiano fino a 9 dipendenti (ULA 2019)
  • abbiamo un’esposizione debitoria complessiva massima di € 100.000 verso il sistema bancario sui crediti per cassa a scadenza (cioè, tutto ciò che ha un piano di ammortamento) riferita all’impresa
  • abbiano Durc in regola
  • abbiano subìto danni economici dall’emergenza Covid-19

Per sostenere le esigenze di liquidità immediata legate a questo eccezionale momento, il PIANO PRONTO CASSA finanzia

  • €10.000 a tasso zero ;
  • da rimborsare in 60 mesi;
  • con possibilità di un periodo di preammortamento massimo di 12 mesi;
  • senza richiesta di garanzie né personali né sull’attività.

Inoltre, proprio in considerazione delle finalità della misura:

  • non è prevista rendicontazione delle spese;
  • non ci sono preclusioni a presentare in futuro progetti per altre sezioni del FRPC;
  • possono applicare anche coloro che hanno già beneficiato di finanziamenti FRPC.

Snellite le procedure di invio la domanda che tra l’altro è esente dalla consueta imposta di bollo e, in assenza di firma digitale, eccezionalmente potrà essere inviata anche con firma olografa (necessaria però successivamente in sede di firma del contratto di finanziamento)

Si applica su online su www.farelazio.it già attivo, previa registrazione, dove compilare e finalizzare la domanda che deve essere inviata da lunedi 20 Aprile alle ore 10.00

Il bando è aperto fino ad esaurimento delle risorse –che sono comunque considerevoli-, la graduatoria viene definita in ordine di protocollo e invio della domanda, bisogna quindi essere veloci chi prima arriva meglio alloggia.

Fare Lazio “promette” di deliberare entro 20 giorni dalla data di presentazione della domanda e, appunto, secondo l’ordine cronologico di ricezione

Per approfondire www.farelazio.it - www.lazioeuropa.it/news/por-fse/pronto-cassa

Commenti

commenti

Maria Rita Macciocchi Salerni

Leave a reply