realizzare home office

Come realizzare il tuo Home Office efficace

Ribadiamolo subito: la situazione che stiamo vivendo non è, e non potrà essere, la norma... E questo articolo sarebbe molto diverso se scritto in un altro periodo. Viviamo in questi giorni (che dureranno ancora non si sa quanto) una compressione delle più comuni attività in un'unico spazio confinato... La casa. Chissà in quanti si sono pentiti di non aver pensato ad uno spazio per realizzare un Home Office o uno studio.

Perché, a ben vedere non viviamo solo un isolamento (denotato per lo più da una mancanza di relazioni sociali), viviamo una vera e propria compressione spazio/temporale delle nostre vite. Le abitazioni sono diventate uffici, scuole, palestre, cinema, pizzerie...

Ecco allora alcune riflessioni, spero utili, per rendere la casa un ambiente confortevole in cui lavorare e realizzare degli home office efficaci, anche senza dover acquistare nulla di nuovo.

Organizzare la casa per lavorare bene e realizzare un home office efficace

Per prima cosa, facciamo pace con l'idea che in questi giorni la nostra produttività non può essere al 100% perché:

  • anche chi è abituato a lavorare a casa, ora deve stare a casa e lavorare da casa... E questo è già un trauma.
  • non siamo liberi di lavorare quando e come vogliamo: molte persone che si trovano a lavorare da casa per la prima volta (non chiamiamolo smart working, ma lavoro da casa per favore) non hanno strumenti adatti; o comunque non tutti quelli che avrebbero in ufficio. E devono comunque essere connessi da una cert'ora ad un'altra.
    E i compiti dei figli? Preparare il ciambellone? Le video-lezioni che ti sottraggono il pc proprio quando dovevi fare una call su hangout/bitrix?

Siamo dunque chiamati a trovare un compromesso tra il tempo a disposizione, lo spazio che abbiamo e le altre esigenze di vita.

Una catastrofe? Situazione difficile, ma non impossibile.

Di seguito 6 semplici spunti per rendere il lavoro efficace in periodi, chiamiamoli, eccezionali.

Come dovrebbe essere il tuo Home Office e come dovresti concepire il lavoro? 6 spunti utili.

  1. Se non è il momento buono, non lavorare, riprendi più tardi. Oppure fai cose semplici (mai come ora bisogna dare spazio alla qualità più che alla quantità del lavoro).
  2. Ritagliati un posto per lavorare e per prendere la giusta concentrazione. Quel luogo che hai ricavato, cerca di trasformarlo nel tuo ufficio da casa.
    Il tempo che perdi per togliere il PC, le cuffie o gli appunti dal tavolo della cucina quando è ora di pranzo, è sicuramente meno di quello perso a lavorare in una stanza affollata come il salone con la tv accesa o con i figli che giocano.
  3. Non trascurare il comfort: un tavolo ed una sedia adatta sono importanti. Cerca il più possibile di non trascurare l'ergonomia del tuo ambiente lavorativo. Se hai un ripiano alla tua altezza su cui puoi appoggiarti, sfruttalo per alternare momenti di lavoro in piedi o in uno sgabello per distendere le gambe.

    stand office desk

    Da casa puoi lavorare anche in piedi. Basta un ripiano alto per avere una stand office desk.

  4. Anche l'illuminazione deve essere adeguata: assicurati quindi che l'ambiente in cui stai lavorando sia ben illuminato. Prediligi una luce elevata sul piano da lavoro, evita l'abbagliamento dello schermo dovuto a finestre e evita di utilizzare le lampade da comodino.
  5. Fai ordine: mantieni il tuo ambiente lavorativo e domestico ordinato e curato. Questa "autodisciplina" ti aiuterà nel favorire la concentrazione.
  6. Silenzia le chat e metti in stand by qualsiasi altro tipo di disturbo: avere una situazione da ufficio, per prima cosa nella tua testa, è fondamentale per lavorare meglio. Come pensi di concentrarti tra un trillo ed un vocale?

Questi punti appena elencati sono semplici accorgimenti che possono aiutarti a lavorare efficacemente in situazioni di emergenza. Già solo il buon senso può aiutarti a realizzare un home office efficace, anche senza dover acquistare mobili Ikea.


Leggi anche Come creare un Home Office produttivo con un click


Commenti

commenti

Carlo Gonnelli

Leave a reply