letture film serie tv per le feste

“Spunti POP” dalla Community: letture, film e serie tv per queste Feste

Senza fare troppa retorica, saranno delle feste diverse. Lontane da quei viaggi in posti fuori dal quotidiano e che ricaricano, o dalle grandi tavolate e delle giocate a carte fino a tardi, con l’inconfondibile profumo di mandarino. Vivremo un’esperienza eccezionale, nel vero significato (si spera) di un evento che costituisce un’eccezione, quindi straordinario, singolare, insolito.

Una cosa è certa: in queste feste ci fermeremo e avremo tempo a disposizione, ma meno possibilità per investirlo nelle più comuni attività come feste, cinema in seconda serata, teatri, cene tra amici. Sarà più intensa la riflessione e la stima del nostro anno, del così definito “Annus horribilis”. Ognuno avrà sicuramente delle alternative, anzi, probabilmente ci ritroveremo, come accaduto lo scorso inverno, a riscoprire vecchie passioni o nuovi interessi.

Io, intanto, ho pensato di raccogliere delle idee dalla “Community” (la mia rete). Nei vari social, ho chiesto alla rete qualche idea per libri, film e/o serie tv. In diversi hanno risposto, proponendo spunti variegati: dai grandi classici, a libri tecnici, passando per ispirazioni in nuove serie tv o in vecchi film cult, finendo con gli immancabili pezzi multimediali natalizi o con i consigli di cartoni animati per i più piccini.

C’è un po’ di tutto in questa lista, senza voler essere un elenco troppo serio o specialistico. “Spunti POP”, mi piace immaginarlo così, con la speranza che qualcuno ne possa trovare uno stimolo.

Libri da leggere e film e serie tv da vedere per questo Natale un po' insolito

libri da leggere natale 2020
I libri da leggere consigliati per questo Natale 2020.

diverso, che rispolveri i veri valori guida delle relazioni e del benessere collettivo, concedetevi questa possibilità e leggete anche un solo libro di questo autore. In particolare consiglio questo breve saggio, che ha il coraggio di sfidare ciò che abbiamo dato per scontato e troppo spesso banalizzato, "la cerniera fondamentale delle nostre vite": l'amicizia.

Io aggiungo:

I film e le serie tv da vedere per questo Natale 2020

film per natale
La community consiglia i film da vedere durante le feste.

Ho chiesto anche consigli per film e serie tv. Ecco cosa mi è stato suggerito dalla mia community:

  • Come serie consiglio “We are who we are”: americana ambientata in Italia, un viaggio nell’adolescenza. Come film “Joker” visto poche sere fa, Joaquin Phoenix strepitoso, superlativo. Secondo me ha interpretato il miglior Joker di tutti i tempi.
  • Una serie: "Mad men" (attualmente disponibile solo su PrimeVideo, prima era esclusiva di Netflix). Copio/incollo le motivazioni che fanno di Mad men una delle migliori serie in assoluto di sempre, secondo me, ma soprattutto secondo molti. “Nelle sue sette stagioni la serie è riuscita a incapsulare gli eventi più significativi degli anni ’60, soppesandone i risvolti sulle vite di tipi umani perfettamente rappresentativi della realtà del tempo. Una straordinaria riflessione sulla nascita dell’America moderna”.
  • "Young Pope" di Sorrentino: bell'esempio di dinamiche che si vedono a livello di Governance in ogni organizzazione, raccontato attraverso dialoghi bellissimi, curati e realizzazione di qualità.
  • Natale = classiconi: da "Miracolo sulla 34a strada" a "Love Actually". Perché se non a Natale, quando? ☺️❤️
  • "Babbo Bastardo": un classico.
  • "Una poltrona per Due": mai un Natale senza!
  • "Gremlins" (Giuro! È un film di Natale!). Insegna che non bisogna sottovalutare l’impegno che richiede ricevere un piccolo animaletto come regalo sotto l’albero.
  • "The good wife" per i grandi. Per i bambini "SING".
  • "Il giardino segreto" è incoraggiante, alla fine… La cosa più giusta che si possa fare nella vita è osare e impegnarsi a realizzare i propri sogni.
  • "The Queen's Gambit", ma lo diranno tutti, è fantastico!;
  • "The Crown", se si ama l'Inghilterra. È scritto benissimo e, famiglia reale a parte, ci sono bellissimi shot anche della Scozia e della countryside inglese;
  • "His Dark Materials", altra serie inglese sull'esistenza di vari universi paralleli in cui sono messe in evidenza differenze, nonché similitudini, tra esseri umani in questi mondi alternativi.
  • Tutta la serie di "The Walking Dead", perché è sempre bene esercitare le proprie skill di sopravvivenza!
  • "Breaking Bad" e "Il trono di spade" perché sono l'equivalente del libro "Cuore" per l'educazione alle serie tv.
  • "Black Mirror" perché ogni episodio è slegato dall'altro a livello di storia, ma il file rouge resta le derive della tecnologia. Siamo pronti ad affrontarle o ci siamo già dentro?
  • "Modern Love" ogni episodio è una storia d’amore diversa, ma tutte sono ispirate alla popolare rubrica del New York Times. Prospettive intime e profondamente umane sono le vere protagoniste di ogni racconto.
  • Serie tv "This is Us": perché le relazioni familiari e le perdite segnano profondamente e ogni persona ne esce cambiata e ogni carattere assume una nuova vita...
  • Tra le serie, After Life, Ricky Gervais (Netflix): un piccolo capolavoro di realismo, dove il dolore non viene descritto in maniera drammatica ma con l'ironia e la comicità che contraddistingue il personaggio.
  • "L'alienista": la criminal minds di fine ottocento in una realistica New York tra ricchi scapoli in smoking, assassini alla Oliver Twist e i primi medici freudiani.
  • “Gorilla nella nebbia: per l'occasione perduta nella pandemia, di riconoscere la nostra responsabilità nei cambiamenti climatici e non solo. In ricordo di quella piccola, sana, umanità che ci ha fatto emozionare nel vedere delfini tornare a Venezia e daini passeggiare nelle piazze… senza di noi. Siamo usciti predatori come prima. Non abbiamo imparato niente.
  • "Wonder": quando empatia, amore e una grande dose di coraggio aiutano a trovare il proprio posto nel mondo.
  • La serie "The IT crowd": per conoscere un team di strampalati tecnici informatici e gli stereotipi che li circondano.
  • "Il primo dei bugiardi. The invention of lying": irriverente commedia inglese su un ipotetico mondo privo di bugie.
  • "Io prima di te": un libro e anche un film che racconta di una storia d'amore fuori dall'ordinario. L'incontro di due ragazzi che grazie a questa storia riscoprono tratti di sé stessi ormai persi o completamente nuovi. Racconta di come ci si può sentire persone completamente nuove e diverse dopo aver incontrato qualcuno di speciale nelle proprie vite, che sia un fidanzato/a o un amico/a.
  • Come film, uno tra quelli che mi piace ricordare è "Perfetti sconosciuti". La motivazione? Marco Giallini. A parte gli scherzi, fa vedere e soprattutto pensare alle nostre debolezze umane.
  • "L''incredibile storia de l'isola delle rose": a parte il fatto che è una storia vera che vale la pena conoscere per la sua assurdità, si parla di inseguire i propri ideali e "provare un po' a cambiare il mondo", in modo davvero originale. Un film di intrattenimento e intelligente.

Io suggerisco:

La serie: “La Regina degli scacchi” Il prodigio, la sregolatezza, la battaglia per la parità, l’emancipazione, i problemi emotivi/dipendenze, il dolore e la rivincita, il coraggio di decidere, i sacrifici e la costante analisi e messa in discussione degli ostacoli superati. La rabbia, l’autonomia, l’autoaffermazione e la libertà. Le capacità strategiche che richiedono un piano d’azione di lungo termine nell’idea di raggiungere un obiettivo attraverso una serie di operazioni distinte e distinguibili e la capacità di saper prevedere le mosse dell’altro.

Il costante conflitto tra talento e prezzo da pagare e il grande desiderio di competere a testa alta con le eccellenze.

C’è tutto questo in “La regina degli scacchi”, come una brillante comunicazione che passa dal linguaggio del corpo, dalla postura, dai vari e peculiari modi di impugnare i pezzi.

E una conferma: il talento, anche quello grande e naturale, va sempre alimentato con lo studio e con l’applicazione e per fiorire del tutto ha bisogno della ricchezza e della visione degli altri.

Un’altra serie “Le regole del delitto perfetto”: per me la migliore. Sei serie, mai scontate, connotate da un altissimo livello di souspance, con un colpo di scena dopo l’altro e ritmi veloci. La protagonista, Annalise Keating, un avvocato e docente di diritto penale, è una donna di colore in un’America non sempre tollerante. Carisma, competizione, depressione, dipendenze, ossessioni, relazioni ai limiti, conti con il passato: tanti sono gli elementi che ne fanno una serie da vedere assolutamente.

Terza serie: Freud. Eccentriche terapie, occulti, surrealtà per una misteriosa cospirazione. Pur non essendo un’opera biografica, tratta temi di ipnosi e psicosi in un mondo di fantascienza.

Quarta serie: Diavoli. Nel lockdown è stata la mia gioia del giovedì sera. Un grande Alessandro Borghi che avvicina anche i più lontani al mondo della finanza.

Beata ignoranza” (di Massimiliano Bruno, del 2017). Un film sull’uso della tecnologia e dei social network, che aiuta a trovare l'equilibrio tra iperconnessione e rifiuto totale degli smartphone.

In così tanta varietà, si possono incontrare più gusti. Fatemi sapere se e cosa deciderete di intraprendere tra tutte queste proposte POP. E poi Buone Feste!

Commenti

commenti

Valentina Marini

Leave a reply