tecnologie innovative agritech

Agritech: tecnologie innovative applicate all'agricoltura di precisione

Dopo essere andati alla scoperta delle più importanti e diffuse tecnologie di informazione a supporto dell’agricoltura di precisione come ad esempio i droni e la sensoristica, in questo articolo vedremo come e dove queste tecnologie innovative vengono applicate concretamente, per aiutare l’imprenditore agricolo nel lavoro nei campi, tramite la rilevazione di dati utili.

La sensoristica a supporto delle colture di cereali e degli allevamenti animali

Le prime tecnologie a supporto dell’Agricoltura di precisione (Adp) sono arrivate in Italia negli anni '90, precisamente sulle mietitrebbiatrici, macchine agricole utilizzate per mietere e trebbiare le colture cerealicole.

In questi macchinari vengono installati innovativi sensori per il rilevamento satellitare in grado di mappare grandi aree lavorate.

Ad oggi sembra banale come soluzione, ma l’apporto di questa tecnologia ha consentito di gestire e programmare le operazioni, e di ridurre di diverse ore i tempi di lavoro.

Quasi contestualmente vengono lanciati sul nostro mercato anche i sensori di prossimità; sempre installati su macchine agricole per aiutare l’agricoltore nella scelta delle operazioni quali la fertilizzazione, il rilevamento di infestanti.

Grazie a questa tecnologia si ottengono dati che possono essere rilevati soltanto ad una distanza molto breve dal terreno, tra i 2 e i 3 metri solitamente.

Anche nel settore zootecnico troviamo diverse applicazioni di questa tecnologia. Ad esempio, all'interno dei fabbricati destinati al riposo di bovini, suini e polli sono solitamente presenti sensori per il controllo automatico della ventilazione e per il monitoraggio dei singoli animali.

Sono indispensabili per individuare ed evitare la nascita e il diffondersi di possibili patologie, più che frequenti soprattutto negli allevamenti intensivi.

L’utilizzo dei droni agricoli nel settore frutticolo 

Le specificità territoriali del nostro Paese richiedono un monitoraggio scrupoloso per quanto riguarda la gestione delle piantagioni da frutto.

L’introduzione dei droni agricoli in questo settore fa sì che ad oggi sia possibile compiere molte operazioni anche da remoto, telecomandando il drone, o addirittura pre-impostando il percorso da fare. Quindi senza apporto umano costante.

Grazie a questo strumento si può ispezionare praticamente ogni singola pianta selezionando quelle che necessitano di un intervento immediato: come ad esempio può essere un albero ricco di frutti giunti a maturazione che necessitano di essere raccolti.

Anche nella filiera viti-vinicola sono molto sviluppate le tecniche a supporto dell’agricoltura di precisione.

In questo particolare settore la qualità del prodotto determina il suo valore molto più che rispetto ad altre produzioni; è quindi fondamentale prestare particolare attenzione alle singole fasi di produzione.

La tecnologia viene in aiuto con appositi sensori installati sui droni che permettono una stima del vigore vegetativo delle piante. L'agricoltore può così effettuare una selezione dei vigneti disponibili per la vendemmia, rispetto ad altri ancora non pronti molto velocemente e con bassissimi margini di errore.

L’applicazione di queste tecnologie sta lentamente prendendo piede anche qui. Un segnale di cambiamento e ammodernamento per un Paese che è già molto attivo dal lato dell’offerta rivolta ai mercati Internazionali.

Commenti

commenti

Uberto Saltarelli

Leave a reply